Utente 404XXX
Dall'ortopanoramica è emersa la presenza di un granuloma apicale sul 36, un dente che presenta una ricostruzione in composito molto estesa a causa di una carie molto grande. La ricostruzione è stata rifatta ben due volte durante gli anni per problemi di rottura della stessa.
Un dentista mi ha detto che molto probabilmente bisognerà estrarre il dente.
Vorrei sapere se non è più logico tentare comunque la cura canalare. Una volta devitalizzato il dente quanto tempo deve passare per avere la certezza che il granuloma sia stato risolto? In questa attesa il dente non va incapsulato, giusto?

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, non ho mezzi per dubitare la sentenza di condanna all'avulsione emessa dal suo odontoiatra, inoltre occorre valutare se è possibile un ritrattamento canalre, poi se anche andasse a buon fine il trattamento non è possibile stabilire un tempo minimo per non incorrere a recidive.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Salve,mi aggiungo al collega e le esprimo il mio parere: certamente prima dell'estrazione va tentata una terapia canalare
(ben fatta) e attendere la "restitutio ad integrum" della lesione,
aspettare il tempo necessario ,ed eventualmente prendere in considerazione, se non si ottengono risultati in termine di
guarigione biologica,l'apicectomia sul 36.
Per l'estrazione c'e' sempre tempo.....
Consulti un bravo ENDODONTISTA (dentista che si occupa
dei "problemi" come il suo).
Buona Giornata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#3] dopo  
Utente 404XXX

Buongiorno e grazie per le tempestive risposte. Vorrei chiedere se nella ricerca di un bravo endodontista devo far caso all'uso del microscopio operativo. Non so se lo usino tutti, ma credo sia un valido ausilio che può fare la differenza in questi casi. So che ce ne sono di diversi tipi.
Grazie.

[#4] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
La normale terapia canalare non richiede l'uso di un microscopio
operativo,è sufficiente la esperienza e la capacità di chi si occupa prevalentemente di endodonzia.
Il microscopio operativo viene usato di solito in clinica universitaria o centri specialistici,per i ritrattamenti complessi.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia