Utente 263XXX
Salve, ho un dubbio che mi assale. Prima di 3 anni fa non ero mai stato dal dentista e non avevo avuto mai problemi di carie. Ad un certo punto sento un dolorino ad uno dei molari e vado dal dentista che valuta il dente da devitalizzare. Il dente viene devitalizzato ed il dolore passa in una decina di giorni. Meno di un anno dopo si caria il dente successivo, stessa cosa, devitalizzazione. Stavolta sbaglia anche (non riesce ad arrivare "fino in fondo" e quindi il dente è da ritrattare a seconda di un altro dentista). Cambio dentista, ancora deve avvenire il ritrattamento e si caria il dente subito prima, il primo premolare, il dente subito dopo il canino, per intenderci. le seconde due carie sono Interstiziali mentre la prima era "normale". Possibile che macchinando, il primo dentista, abbia rotto un po' i denti per far formare delle carie? Col secondo dentista è successa una cosa simile. Mi dice che c'ho 3 carie sul altri 3 molari, mi devitalizza quello di centro e mi "pulisce" dalle carie gli altri due (sempre interstiziali) lasciandomele "aperte" senza otturazione dicendo che non c'è alcun tipo di problema. È tutto normale o non devo fidarmi anche del secondo dentista? Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
La carie è una patologia ad eziologia multifattoriale, tra gli agenti eziologici non ci sono i dentisti ma determinate tipologie di batteri presenti nella placca che metabolizzando zuccheri producono acidi che vanno ad intaccare i tessuti duri dentari.
Probabilmente le carie erano già presenti e si son manifestate man mano che son divenute più grandi. Non è detto che non ce ne siano altre. E' necessaria una visita accurata per diagnosticare le lesioni presenti. Più la carie viene diagnosticata in uno stadio iniziale, meno invasivo sarà l'intervento necessario per sanarla.
E' da parte sua sottoporsi a controlli periodici e sedute di igiene orale professionale ed è necessario curare bene l'igiene orale domiciliare che deve prevedere, oltre allo spazzolamento tre volte al giorno con metodica appropriata, anche l'utilizzo del filo interdentale per pulire gli spazi interprossimali... altrimenti i batteri si accumulano e i denti si cariano.
Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente 263XXX

Innanzitutto, grazie mille per la celere risposta! Quindi lasciare le carie aperte come ha fatto il secondo dentista è normale amministrazione? Capisco che non sono i dentisti la causa scatenante dalle carie e lungi da me essere malfidato, il mio dubbio è solo un dubbio da ignorante in materia e non vuole essere un'accusa. Ho avuto "paura" di questa cosa semplicemente perché non mi era mai capitato che il dentista abbia lasciato i denti aperti e solo puliti senza otturazione, anche se la mia esperienza è solo di 3 anni dal dentista. Grazie ancora, buona giornata e buon inizio settimana!

[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Non rientra nella prassi lasciare i denti aperti dopo averli puliti.
Perchè si sia optato per questa soluzione non so dirglielo.
Deve chiederlo al dentista che l'ha curata.
Quando si cura una carie si apre la cavità cariosa, la si pulisce e si chiude.
Il tutto sotto diga per evitare ulteriori contaminazioni e per garantire la miglior adesione possibile ai materiali da ricostruzione.
Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it