Utente 436XXX
Salve, mi chiamo Cristian ed ho 27 anni.
In seguito ad una fistola mi è stato diagnosticato un granuloma al molare 46.
Mi hanno consigliato un antibiotico (Zimox - 2 compresse al giorno) e successivamente due opzioni.
La prima è un estrazione del dente. La seconda una terapia canalare e ricostruzione con intarsio.
Dopo una settimana di zimox la fistola ancora non è scomparsa.
Potrebbe essermi stato consigliato un antibiotico inadeguato? Esiste un'alternativa da assumere?
Successivamente alla scomparsa della fistola è consigliabile l'estrazione o si potrebbe salvare il dente?

Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
La prima opzione è sicuramente quella di conservare il dente mediante terapia endodontica( BEN FATTA) ed attendere la guarigione,la seconda in caso il granuloma persista,è una eventuale apicectomia.L'estrazione è l'ultima possibilità in caso di insuccesso.
Si rivolga ad un bravo ENDODONTISTA .
La fistola scomparirà appena effettuata la terapia endodontica....
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni

28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile paziente,
un infezione odontogena quindi dovuta alla presenza di batteri all'interno del dente come la fistola ed il granuloma di cui lei parla non si risolvono con la semplice somministrazione di un antibiotico ma con l'eliminazione della carica batterica presente all'interno del dente appunto, che può essere realizzata con una terapia adeguata sullo stesso (terapia canalare) o, più drasticamente, con l'avulsione (estrazione) dell'elemento dentario infetto. Per cui l'antibiotico ha solo un ruolo coadiuvante nella terapia ma da solo non è in grado di risolvere il quadro clinico.
E' ovvio che oggigiorno con le possibilità terapeutiche a disposizione, molto più efficaci ed affinate rispetto al passato, la maggior parte dei casi si risolve con il mantenimento dell'elemento dentario che viene opportunamente trattato appunto. L'estrazione quindi è una scelta decisamente secondaria spesso dettata solo da limitate disponibilità economiche del paziente che non può o non vuole affrontare il costo di una terapia.
Concludo dicendole che, nella fattispecie, considerando il ruolo chiave che ha l'elemento dentario (4.6) in questione nell'equilibrio occlusale e masticatorio e considerando la sua giovane età, l'estrazione è assolutamente sconsigliabile per cui la invito a sottoporsi ad adeguata terapia volta al recupero dell'elemento dentario, importante per il suo benessere generale.

Cordialmente
Dr. Pierluigi De Giovanni
ODONTOIATRA