Utente 213XXX
Gentili dottori,
Due anni e mezzo fa avevo devitalizzato il primo molare inferiore dopo una dolorosissima pulpite.
La dottoressa mi aveva detto che il dente, essendo in buono stato, poteva andar bene ricostruito per una decina di anni, e poi fare la corona. Invece purtroppo stasera, mentre mangiavo del pane (nemmeno chissà quanto duro, visto che l'ho mangiato anche a pranzo) sento un dolore.... qualcosa di tagliente... e mi accorgo che una parte di dente si è rotta, proprio una scaglia in verticale di una cuspide.
Prima mi faceva male perché la parte fratturata era scomposta e si muoveva nella gengiva, adesso - dopo aver lavato i denti con molta delicatezza - la parte di dente rotto è rientrato in sede e non si muove, come non si fosse mai rotto, ma io sento sulla lingua la frattura. Ora è indubbio che io debba andare dal dentista, ma vorrei sapere se con questa situazione è possibile salvare il dente... Nel senso se si possa ricostruire il devitalizzato o si deve fare per forza la corona?
È possibile che il dente si sia rotto per una forza anomala venutasi a creare con la masticazione ?
Io ho usato anche un collutorio per aiutare un po' ad evitare infiammazioni sul dente rotto. Sono molto dispiaciuta dell'accaduto, tremendo è il pensiero che adesso dovrei fare una corona, visto che ne ho già una in bocca, ma è ingombrante in bocca è molto diversa dai miei denti.
Grazie mille .

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni

28% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
i denti devitalizzati da protocollo andrebbero sempre e quanto prima riabilitati con manufatti protesici atti a migliorarne la resistenza al carico funzionale e parafunzionale. Non esiste quindi un tempo entro il quale può non essere applicato il restauro protesico senza incorrere nel rischio di frattura dell'elemento. Difatti, un dente una volta devitalizzato perde di elasticità e sopporta di meno gli stress meccanici per cui è da subito esposto ad un maggior rischio di frattura se non viene restaurato adeguatamente con manufatti protesici (corone o intarsi di tipo onlay), la semplice ricostruzione in composito non è spesso sufficiente a garantirne la resistenza nel tempo.
Detto questo, il suo dente fratturato potrebbe essere ancora recuperabile se la frattura non ha interessato anche la radice compromettendone irrimediabilmente l'integrità strutturale, quindi solo un adeguata visita odontoiatrica potrà dirle questo.
Assolutamente sconsigliata, in caso di dente ancora recuperabile, la sola ricostruzione in composito, la capsula è d'obbligo.
Infine, se una corona è ben fatta non "è ingombrante in bocca è molto diversa dai miei denti." Per cui non se la faccia fare da chi le ha fatto l'altra, direi.

Cordiali saluti
Dr. Pierluigi De Giovanni
ODONTOIATRA