Utente 435XXX
Buona sera,
chiedo un consulto in attesa del ritorno dalle vacanze del mio dentista, il quale, però, non è molto attento ed è piuttosto frettoloso nei miei riguardi.
Da più di una settimana ho un gonfiore di forma rotondeggiante sulla gengiva, laddove non esiste più il molare, estratto tempo fa e in attesa di impianto.
È una vera e propria pallina, piuttosto dolorosa e grande, che aumenta di turgore nei momenti della giornata in cui non posso lavare i denti.
Essendo sfortunatamente esperta di ascessi dovuti alle carie, posso quasi certamente dire che non si tratta di questo. Il dolore e l'aspetto sono molto diversi.
Qualche mese fa il mio dentista ne vide una simile da un'altra parte della bocca, sempre sulla gengiva, e disse "Toh.. sembra un'afta" e se ne lavò le mani. Non mi diede nessun rimedio. Né io lo pretesi, anche perché era meno dolorosa.
Adesso lui non c'è, tornerà in ambulatorio tra una settimana, e non so come comportarmi.
Non ho idea di cosa possa essere, della gravità e di come curarla.
So solo che non posso mangiare più, anche perché dall'altra parte della bocca mi mancano 2 premolari e un molare consecutivi in attesa di impianti.
Mi sento una vecchia sdentata e mi è davvero faticoso mangiare! E ciò che mangio, non lo digerisco bene perché mastico malissimo.
Se sapessi come affrontare questo problema della "pallina", riuscirei almeno a ingerire cose morbide senza soffrire.
Vi prego, aiutatemi.
Non so nemmeno se e quanto è grave.
Potrebbe essere causato dal fatto che mastico sempre da un lato e magari la gengiva si è "stressata"?
Non so cosa pensare.

Grazie mille in anticipo.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, non c'è molto da pensare, se tra 15 giorni la lesione non regredisce spontaneamente, occorre una visita con accertamenti diagnostici, nel frattempo potrebbe utilizzare un frullatore per alimentarsi senza far soffrire lo stomaco.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 435XXX

Gentile Dottor Ruffoni,
La ringrazio molto per la veloce risposta e per il consiglio.
In effetti sto programmando una dieta a base di frullati per i prossimi giorni. Frullerò anche la carne, come ho fatto in passato per le estrazioni dentali e gli ascessi.
Ma di cosa si potrebbe trattare, esattamente? E c'è qualche trattamento a cui posso ricorrere?
Nel corso della serata di oggi mi sono accorta che il gonfiore contiene materiale biancastro, credo pus, perché presenta due zone più chiare sollevate e percepisco del liquido che si sposta durante i movimenti della testa.
Intanto continuo con una accurata igiene orale con dentifricio e collutorio disinfettanti contenenti acido ialuronico e, sotto consiglio del farmacista, sto applicando Aftamed sprai.
Ma non so se è davvero utile, dato che non sono certa si tratti di afta.
RingraziandoLa ancora per il Suo interessamento, porgo i miei cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Una tumefazione contenente del pus fa pensare ovviamente ad un ascesso. L'afta e' un'ulcera quindi non c'entra niente con quello che ha in bocca ( che lei definisce pallina ) ne consegue che se l'ipotesi e' veritiera l'aftamed sull'ascesso e' come acqua fresca.
Se fosse un ascesso, ma senza visita non lo so, sarebbe necessaria una terapia antibiotica e risalire alla causa per evitare che si ripeta in quanto l'antibiotico contrasta la fase acuta dell'infezione ma di per sé non cura un bel niente.
E' necessaria una visita odontoiatrica per istituire un idoneo trattamento.
On line non possiamo dirle di più.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#4] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Tutti i condimenti farmacologici del farmacista non le fanno male, ma potrebbero falsare una diagnosi. A distanza senza una clinica non è possibile definire la natura della lezione, il rischio di errore le creerebbe ancora più confusione.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/