Utente 400XXX
E' da un mese ormai che mi e' stato estratto un dente del giudizio superiore, gia' erotto completamente, ed ancora sto soffrendo complicanze.

A quanto mi ha detto il dentista si e' formata dopo circa 7 giorni un'infezione, per cui ho assunto antibiotici. Apparentemente risolta l'infezione, al successivo controllo il medico ha detto che c'e' un'alveolite ed applicato una garza medicata. Passati altri 10 giorni senza arrivare alla completa guarigione, sono tornato dal dentista, che mi ha di nuovo mess la garza, questa volta facendomi anestesia locale.

Da allora, ossia tre giorni fa, ho la gengiva attorno all'alveolo gonfia e di color violaceo e molto sensibile. Puo' essere un ematoma dovuto al trauma dell'anestesia o peggio di nuovo un'infezione? Si puo' fare qualcosa in questi casi? Il prossimo controllo e' fra 4 giorni ma ho paura che nel frattempo la situazione peggiori.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
L'alveolite post-estrattiva è fondamentalmente legata alla lisi del coagulo,per cui l'alveolo resta per così dire "vuoto" ed apparire di colore grigiastro.
l’alveolo appare circondato da gengiva poco arrossata, leggermente edematosa, liscia e lucente.
Gli antibiotici non servono,perchè la causa non è un'infezione batterica.
E' sufficiente in anestesia,ripulire l'alveolo,farlo sanguinare abbondantemente,mettere un punto di sutura.(metodo utilizzato con efficacia dal sottoscritto,ma esistono altre strade percorribili....)

Legga il link sottostante

L'alveolite post-estrattiva o alveolite secca | MEDICITALIA.it
www.medicitalia.it/...e.../304-alveolite-post-estrattiva-secca.html


Cordialità
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Un'alveolite a distanza di un mese dall'estrazione mi sembra poco verosimile. L'alveolite si verifica in terza quarta giornata e' caratterizzata da dolori molto intensi che lei non riferisce e ad ogni modo nel tempo va incontro a risoluzione...anche senza antibiotici.
Non vorrei che il problema sia diverso.
Si faccia visitare da uno specialista in chirurgia orale, probabilmente e' necessario anche un controllo radiografico.
Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#3] dopo  
Utente 400XXX

Gentile Dottore

mi sono recato proprio oggi di nuovo dal dentista poiche' la garza e' uscita. Ho chiesto chiarimenti riguardo all'alveolite, ma questa volta mi ha detto che ho avuto un decorso molto inusuale e probabilmente non si tratta di una vera e propria alveolite perche' ormai e' passato un mese dall'estrazione e di solito l'alveolite si manifesta nei primi giorni, mentre io ho iniziato ad avere tutti questi problemi dopo 10 giorni dall'intervento, prima infezione poi dolori attorno all'orecchio e mandibola.

Non mi ha parlato di ricreare il sanguinamento ed ha ritenuto opportuno non riapplicare la garza nell'alveolo. La guarigione e' piu' lenta del previsto, si vede ancora leggermente l'osso, ma non e' esposto tanto quanto in un alveolo secco.

Quello che mi ha confermato e' tuttavia che la gengiva attorno all'alveolo e' ulcerata e gonfia, probabilmente a causa di un trauma nel precedente intervento in cui ha messo la garza in anestesia locale. Fortunatamente non paiono esserci segni d'infezione. L'unica cosa che mi ha prescritto ora e' un colluttorio con cortisone per ridurre l'infiammazione e per il resto di pazientare per lasciar guarire la ferita da se'.

Dopo tutte queste complicazioni che durano da un mese mi chiedo se in questa situazione le indicazioni del medico siano appropriate o se farmi visitare da qualcun'altro...

[#4] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Perfetto segua le sagge indicazioni del secondo dentista, dopo un mese le garze servon solo a crear altri pasticci.
Si dimentichi di quell'alveolo per un paio di settimane e vedrà che magicamente la natura farà il suo corso...se non si continua a metterle i bastoni tra le ruote.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#5] dopo  
Utente 400XXX

Il colluttorio prescrittomi contiene minociclina, desametasone, nistatina, malox e difenidramina.

Dato che c'e' un antibiotico e che io, a causa di una malattia cronica intestinale, sono molto sensibile agli effetti collaterali gastrointestinali degli antibiotici, vorrei sapere se anche un colluttorio presenta questi rischi (chiaramente non va ingoiato...) oppure se sono rari rispetto a quanto succede invece con l'assunzione sistemica.

Ci sono altri effetti collaterali possibili con questo tipo di colluttorio?

Grazie.

[#6] dopo  
Utente 400XXX

Per l'esattezza si tratta di un'afta sulla gengiva attorno all'alveolo. Mi chiedo se un colluttorio cosi' potente possa provocare piu' effetti collaterali (bruciore, macchie, perdita del gusto?) piuttosto che non fare nulla ed aspettare...

C'e' il rischio che l'afta porti ad una infezione dell'alveolo o della gengiva? Si consiglia in genere il colluttorio di cui sopra per curarla?

[#7] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Se ha timore di possibili effetti collaterali del collutorio in uso,previa verifica per correttezza col suo dentista,può utilizzare per l'afta un collutorio o uno spray in loco a base di aloe ed ac.jaluronico,alternandoli con Clorexidina 0,20%.
Buona Giornata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia