Utente 455XXX
Gent.mi Dottori,
Finalmente oggi dopo mesi di agonia e visite dal dentista a vuoto, il dentista ha scoperto che ho un dente colpito da pulpite.

La difficoltà nell'individuare la pulpite durante molteplici visite è dipesa dal fatto che il dente in questione, per tutti questi mesi, è rimasto sano, intatto, senza carie o altri danni.

Nonostante l'apparente stato sano del dente però, io continuavo a sentire tutti i sintomi della pulpite e alla fine così è stato.

Secondo il dentista, il mio dente è spontaneamente morto, è andato in necrosi senza una causa specifica.

Quindi chiedo a Voi, com'è possibile che un dente perfettamente intatto e sano, senza carie, sia stato colpito da pulpite e sia andato in necrosi "spontanea"?

Quali sono le cause che portano un dente ad andare in necrosi? Premetto che non ho avuto traumi, colpi, niente del genere.

Oppure viceversa, come mai un dente affetto da pulpite risultava ancora oggi sano e senza apparenti danni?

Vi ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
la polpa dentale può andare incontro a necrosi a seguito dell'azione di molteplici insulti patogeni quali ad esempio una otturazione troppo vicina al fascio vascolo-nervoso ,oppure traumi occlusali, per parodontopatia, oppure,(causa più frequente) carie penetranti che abbiano raggiunto la polpa. Spesso il tutto avviene senza aver avvertito sintomatologia alcuna.

La fase terminale della sequenza delle patologie della polpa è naturalmente la necrosi dentale.
Oltre che la conseguenza diretta di una pulpite franca irreversibile, questa può susseguire all’interruzione dell’apporto sanguigno al tessuto stesso dovuta a traumi, o anche a gravi lesioni parodontali. La polpa andrà incontro a una serie di fenomeni regressivi che porteranno infine alla lisi cellulare.
Se il dente come da lei riferito era "sano",la causa probabilmente andrebbe ricercata in una parodontopatia o in un traumatismo occlusale.
Chieda più informazioni al suo dentista.
Comunque la soluzione oltre ogni ragionevole dubbio, è la terapia endodontica....

Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia