Utente 490XXX
Buonasera, vi scrivo perchè sono sull'orlo della disperazione.
Avevo fastidio alla masticazione su un dente devitalizzato un paio di anni fa (6 superiore sinistro - 5 devitalizzato, 7 sano) e sensibilità durante l'inverno al freddo. Bon, con la mia dentista decidiamo di aprirlo, pulirlo, e far sciogliere la vecchia medicazione. Parte l'inferno: il giorno dopo sento martellare e stillettate in tutta quella zona. Prendo oki e antibiotico, torno, panoramica, non evidenzia niente di chè, nè granulomi, ne infezioni....lo riapre giovedì scorso. Dopo l'anestesia pare molto meglio, il giorno dopo uguale dolore, pulsante in tutta la gengiva fino in fondo e anche sul palato (i denti del giudizio estratti anni fa!), ieri sabato vado disperata da un altro dentista, amico di mio padre, che lo riapre e constata che una radice è libera, le altre due arrivano rispettivamente a 3 e 5 mm dall'apice. lo ripulisce e dice di prendere il cortisone basso dosaggio per tre giorni e se gonfia antibiotico.
Non il viso gonfio, sento soltanto la sensazione di gonfiore anche nella mandibola oltre che mascella, e stasera un dolore da lacrime, ho dovuto prendere a corsa un aulin. Pensate, che mi duole anche il 5 devitalizzato accanto al maledetto.
Secondo voi, PERCHE?

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Difficile darle una risposta esaustiva senza conoscere il caso clinico.Il fastidio lamentato ab initio potrebbe dipendere da una frattura anche parcellare,
purtroppo non visibile con le rx tradizionali.Il peggioramento probabilmente con le manovre per cercare di riaprire i canali.
Consulti un dentista esclusivista endodontista per una corretta chiave di lettura.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia