Utente 897XXX
Buongiorno,

Vi scrivo perché non riesco a venire a capo di un problema che mi perseguita da 3 anni. Ho problemi di deglutizione, sia con liquidi che con solidi, ovvero quando giù un boccone sento proprio il volo passare attraverso una fessura più stretta (all’altezza del pomo d’adamo). Tutto é successo da un giorno all’altro a maggio del 2016. Da allora ho fatto tantissime visite ed esami, sia dall’otorino che dal gastroenterologo. Ho eseguito per primo l’esame al bario con bolo alimentare (che ha solo accertato un piccolo restringimento), poi ho eseguito una gastroscopia con biopsia che non ha rilevato nulla di importante se non un po’ di gastrite e che la valvola dello stomaco non chiude molto bene. Questa circostanza ha fatto pensare il medico a un problema da reflusso e mi ha segnato dell’omeprazolo. Farmaco rivelatosi inutile, non ha cambiato nulla. Dopodiché ho consultato anche diversi otorini i quali non hanno trovato nulla di rilevante. Tranne recentemente, a Gennaio 2019, dopo un ecografia mi é stata diagnostica un adenopatia diffusa nel collo (alcuni arrivavano a 27mm), avvertivo fastidi al collo a partire da Dicembre 2018. L’otorino a questo punto mi ha segnato una risonanza magnetica con mezzo di contrasto al collo, fatta 3 giorni dopo l’ecografia e non riportava più nessun linfonodo (solo un paio all’altezza de pomo d’Adamo di una grandezza di 8 mm). Effettivamente i fastidi al collo erano diminuiti ma ogni tanto, proprio all’altezza del pomo d’Adamo, sentivo ancora un fastidio (di pressione e calore). Così dopo un mese, sempre l’otorino, mi ha fatto fare una Tac del collo senza contrasto. L’esame non ha riportato nulla. A margine di tutti gli esami mi sono state fatte anche analisi del sangue alla ricerca di eventuali anomalie con ricerca di anticorpi antinucleo, ma senza che un solo valore fosse fuori range. Ora...il problema persiste (a volte sembra essere passato e a volte torna più forte che mai), da un anno avverto anche problemi in bocca: bruciore di lingua (dalla metà alla punta) e a volte al palato superiore vicino ai denti. se mi tocco con la lingua il palato superiore (vicino ai denti) sento la zona ruvida. La salivazione é normale anche se spesso sento la sensazione di bocca secca.

Cosa devo fare? L’ultimo specialista che ancora non ho sentito é un dentista (bocca sana anche se ho un problema di tartaro frequente) e un neurologo.

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Difficile darle una risposta esaustiva senza poterla visitare ed avere report clinici.Sarebbe interessante conoscere se per caso ha una malocclusione con morso aperto e deglutizione atipica o infantile,cioè con la lingua che si interpone tra i denti e non si adagia invece sul palato nell'atto di deglutire.Nel caso la deglutizione fosse normale dovremmo pensare trattarsi di "bolo isterico" e,dato che mi pare non siano state riscontrate patologie gastroesofagee o di interesse ORL,dopo aver escluso anche la tiroide,penserei di interpellare un buon neurologo.



Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 897XXX

Grazie della risposta, mi sono scordato di scrivere che ho consultato anche un endocrinologo che ha escluso qualsiasi patalogia alla tiroide.

Riguardo la deglutizione atipica o infantile non saprei, questo problema é arrivato da un giorno all’altro tanto che per lo spavento andai al pronto soccorso e mi fecero un’iniezione di cortisone che però non sortí alcun effetto. Il fastidio più tremendo é la sensazione di bruciore della lingua come quando ci si scotta con qualcosa di molto caldo, trovo sollievo solo masticando una gomma. Lontano dai pasti il bruciore aumenta, di solito é molto lieve la
mattina mentre si acuisce di sera.