Utente 514XXX
Salve, a seguito della perdita travagliata di due molari superiori il 26-27 ho iniziato ad avvertire dolori alla tempia alla giunta mascellare-mandibola e dietro all'orecchio senza contare l'infinita di doloretti al viso che cambiano sempre posizione e intensità, mi sono rivolto a uno dei più famosi gantologi della mia città (Verona) il quale mi ha confezionato un bite che permetteva di scaricare sulla zona destra per rilassare la muscolatura nella parte sinistra.
Il bite sembra aver alleviato il dolore ma non l'ha debellato del tutto e anzi in questo periodo dopo circa 3 mesi dal suo utilizzo ho avuto una ricaduta abbastanza dolorosa, anche perche serro molto i denti e sono un soggetto ansioso in determinati periodi di stress.
Ho rifatto una visita dal gnatologo il quale allora mi ha suggerito di riconfezionare un nuovo bite e questa volta simulare anche i denti mancanti nel bite perché secondo lui il dolore che provo anche ai denti inferiori è dovuto probabilmente alla lingua che sbatte mentre deglutisco.
Ora tralasciando il costo economico non indifferente lo so che se si parla di salute non si deve badare a spese ma se ho speso una grossa cifra solo 3 mesi fa per risolvere il problema e mi si ripresenta lo stesso problema e devo spendere la medesima cifra per un nuovo bite mi sento piuttosto scoraggiato e deluso.
La mia domanda è secondo voi con questo nuovo bite avrò una maggiore % di successo a eliminare questi disturbi rispetto al precedente oppure è opportuno che esegua qualche altra visita specialistica da altri dentisti?
Avete altre strade che possa indicare al mio gantologo?

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, potremmo anche rispondere al 99% e poi in caso negativo lei è quell'uno. Purtroppo non conosciamo il suo caso e nemmeno il parere del collega, ma sicuramente la riabilitazione degli elementi mancanti è indicata e potrebbe essere la soluzione permanente al suo problema.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/