Utente 121XXX
Innanzitutto ringrazio chi avrà la pazienza di leggere il mio scritto e rispondermi.
Circa 7 mesi orsono, sono stato dal mio dentista che mi ha curato 2 denti molari superiori (pulizia e otturazione), uno all'arcata sinistra superiore e l'altro all'arcata destra superiore.
Dopo una settimana ho avuto gonfiore a tutte le gengive, ho chiamato il dentista che ha provveduto a prescrivermi un'antibiotico, pur non spiegandosi la causa di tale infiammazione.
Dopo circa 20gg ho iniziato ad avere forti dolori, identificabili come nevralgia del trigemino, che hanno interessato la parte sinistra del mio viso.
Sono andato da un neurologo che mi ha prescritto il gabapentin e una risonanza magnetica.
La risonanza non ha evidenziato nessun tipo di problema ne vascolare ne ai nervi cranici.
D'accordo con il neurologo sono tornato in visita dal mio dentista, le prove alle quali sono stato sottoposto hanno interessato il test del caldo e freddo sui denti dell'arcata sinistra.
Il test non ha evidenziato problemi.
Sono stato quindi prima da un otorino, poi da un dermatologo, nessuno ha riscontrato problemi.
Attulmente dopo essermi curato per mesi con il gabapentin continuo ad avere una forte latenza a tutta l'arcata superiore dei miei denti, come se avessi una pressione sulle gengive, non c'è però nessuna infiammazione.
Tale problema mi ha creato anche un forte stress nervoso.
La domanda è posso essere sicuro del test che mi ha fatto il mio dentista oppure è necessario fare altri tipi di ricerca?

[#1] dopo  
Dr. Fabio Gramaglia

24% attività
0% attualità
0% socialità
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Buongiorno,ha fatto molto bene a consultare il neurologo,cosi' da poter escludere la nevralgia del trigemino che e' cosa molto seria e debilitante.In quanto invece all' esclusione dell'ipotesi che si tratti del dente a lei curato solo perche' i test termici sono negativi,mi sembra un po' azzardata,in quanto esistono patologie dentali (come la necrosi pulpare)che possono anche non dare risposta agli stimoli termici.Quindi le consiglierei di chiedere al suo dentista un indagine piu' approfondita sul dente che le ha otturato e se e' il caso decida per una devitalizzazione.Auguri

Dott. Fabio Gramaglia

[#2] dopo  
3885

Cancellato nel 2008
gentile paziente,
concordo pienamente col collega precedente.
la saluto cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Pietro Convertino

24% attività
0% attualità
0% socialità
ALBEROBELLO (BA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Anche io pienamente.
Comunque proverei a devitalizzarlo e valuterei come và.
Saluti
Dr. Pietro Convertino
Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra

[#4] dopo  
Utente 121XXX

Grazie per le vostre risposte!
Provvederò al più presto a fare quanto mi consigliate.

Saluti

[#5] dopo  
Dr. Maria Cristina Brotto

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2003
Le consiglierei di andare dal suo dentista a farsi fare una radiografia endorale della parte interessata ed eventualmente una ortopantomografia per avere una visione più ampia e valutare meglio se il dente otturato è da devitalizzare o ci sono altri problemi
cordiali saluti e mi auguro che a Roma sia meno caldo che a Milano M.Cristina Brotto
M.Cristina Brotto

[#6] dopo  
Dr. Marco Capozza

40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
LECCE (LE)
MATINO (LE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
In accordo con il suo dentista potrebbe effettuare una Ortopantomografia e delle Rx endorali (anche tipo "Full endorale"). Se per pulizia effettuata intende la sola ablazione del tartaro con ultrasuoni, potrebbe essere necessaria una ulteriore valutazione delle condizioni parodontali, per una eventuale levigatura radicolare.

Saluti
Dott. Marco Capozza
Dott. Marco Capozza
http://www.dentista-lecce.com
mailto: dentista.salento@gmail.com

[#7] dopo  
Dr. Paolo Patrucco

24% attività
0% attualità
4% socialità
CASALE MONFERRATO (AL)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2000
caro paziente ,
tutte le risposte dei colleghi sono da me condivise aggiungerei solo l'eventuale controllo gnatologico dell'occlusione,il combaciamento dei denti ,per evitare che qualche precontatto susseguente alle cure crei i problemi da lei manifestati.
A presto
Dr Patrucco
Paolo Patrucco

[#8] dopo  
Dr. Enio Dell'Artino

16% attività
0% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Una diagnosi on line di una situazione come la Sua non è semplice.
Si potrebbe trattare di un problema ad un dente, al seno mascellare, ma anche all'Atm (soprattutto se le ottuazione sono "basse" e la masticazione quindi "sbilanciata".
Quindi effettivamente una Visita accurata nel Suo caso la consiglierei vivamente.
Cordiali Saluti
Dr Enio Dell'Artino
Viale Lavagnini, 45 Firenze
Via Colombo 16/b Scandicci Fi
tel 055 481829 - 499646

[#9] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Concordo con il Dr. Dell'Artino, la sintomatologia esposta depone secondo me per una malocclusione, forse un precontatto (dente che tocca prima).
Dr. Daniele Tonlorenzi Prof A. C. Università Pisa
Studio privato Carrara
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum