Utente 133XXX
Donna di 69 annni. a fine Luglio 2008 riscontro casuale esegundo mammografia x screening di carcinoma intraduttale quadr infero-mediale mammario sin con negatività clinica alla palpaz mammaria e del cavo ascellare.Il chirurgo vede la apz. tranquillizandola e programmando interv per metà Settembre. Qualche giorno prima dell'interv alla palpazione ascelalre sin si apprezza discreta tumefazione non dolorosa. Intervento regolarm eseguito qualche giorno dopo : praticata quadrantectomia + asportaz linfonodo sentinella gia giudicato macroscopicam con caratter patologiche. Normale decorso post operatorio.
A fine settenbre arriva esame istologico : neoplasia (cm 3 x cm 0.6) carcinomatosa intraduttale ( 70% della neoplasia)ed infiltrante della mammella con metastasi ( diametro di 4 cm)nel linfonodo sentinella.Cute e parenchima mammario esenti da infiltraz carcinomatosa ad eccezione per 1 mm del margine inferiore di exeresi chirurgica. Altri dati istologico :
-indice mitotico neoplasia 2-3
-microcalcificaz tumorali presenti
-invas neoplast vascolare presente
-invas neoplast perineurale assente
-grado compl sec Elston-Ellis G1
-recettori per estrogeni sulla neoplasia 96 %
-recettori per estrogeni sulla metas linfonodale 34 %
-recettori per progesterone sulla neoplasia 31 %
-recettori per progester sula metas linfon 45 %
- espress membranosa di HER sulla neoplasia 1 +
- espress membran di HER sulla metast linfon 3 +
PTMN T2-N1-M0
Comunque eseguita ecografia addominale completa ed Rx torace risultate negative.
Sulla scorta di questo reperto si procede pochi giorni fa ad intervento di revisione chirurgica del margine inferiore infiltrato ( allargamento exeresi)
e svuotamento delal caten alinfonodale ascellare omolaterale sino al III livello di Berg.
Si è in attesa dell'esame istologico dei linfonodi. Il chirurgo all'uscita dalla sala operat parla di un probabile interessamento di qualche altro linfonodo.
Pur sapendo che occorre avere esito definitivo di quest'ultimo istologico, i miei quesiti sono :
1) fin dall'inizio vista l'età della paz e le varie mcrocalcificaz alal mammografia ci hanno parlato di una forma intraduttale scarsamente aggressiva , probabilmente lì da tempo ,con improbabile positività del sentinella. Ciò non si è avverato. Concordate con tale orientamento ?
2)già sulla base del 1 istologico si è stabilito sulla necessità della radioterapia tutti d'accordo)+ ormonoterapia + probabile chemioterapia (pareri discordanti) ma se si conferm apositività di altri linfonodi non ci sonom più dubbi sulla necessità delal chemiot.Concordate ?
3)quali sono le statistiche di guarigione e/o sopravvivenza di queste forme in relazione all'età della paziente ed all'esame istologico che vi ho riportato?
4)quali terapie consigliereste?
E' effettivamente un'evoluzione anomale di questa neoplasia come sospettano?
Cosa ci dobbiamo aspettare? Appena avrò ultimo istologico ve lo riporterò.
Attendo grato vostra risposta.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) Sorprende il fatto che non fosse rilevabile nel cavo ascellare un linfonodo metastatico di 4 cm.

2)Già c'è una informazione importante di una metastasi massiva al primo livello ascellare e probabilmente qualche altro potrebbe essere interessato.
Ed è quindi è probabile, se le condizioni generali sono buone, che verrà confermata l'indicazione alla chemioterapia precauzionale (+ormonoterapia+radioterapia).

I tumori possono essere aggressivi anche in età senile
contrariamente a quanto comunemente si pensa.

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=54533

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 133XXX

Grazie Dottor Catania per la sollecita risposta appena letta.
Le chiederei, sempre in attesa di vedere se ci sono altri e quanti linfonodi interessati, come giudica la responsività di questa neoplasia alla chemioterapia ed ormonoterapia sulla scorta dell'istologico che le ho riportato.
Quali le percentuali per queste forme come le chiedevo relativamente alla responsività ed alla sopravvivenza temporale e o guarigione anche in realzione all'eta?
La paziente è in buone condizoni generali.
Attendo fiducioso e rinnovo il mio grazie.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Riproponga il suo quesito con un nuovo post (riassumendo i dati)in questa stessa area quando saranno pronti gli esiti dei linfonodi rimanenti e degli esami di stadiazione.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 133XXX

Gentile Dottore, ho proprio ora ricevuto il fax con la risposta.
Analizzati 17 linfonodi.
Di essi 8 sono risultati metastatici.
I liv ascellare : 6/8
II liv ascelalre 2/3
III liv ascellare 0/4
sottoscapolari 0/2

Stadio T2-N2 Mx
Stadio III A

Quali terpaie ? Quali percentuali ?
Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le ripeto di riproporre il post (nuovo) in modo che lo possano leggere anche gli oncologi medici (io sono un chirurgo oncologogo anche se pure specialista di oncologia medica).

Aggiunga gli esami d staging (stadiazione :eco addominale, scintigrafia ossea...ev Tac)

Non si aspetti percentuali.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com