Utente 154XXX
Gentili medici,
vi scrivo per sottoporvi il mio problema.
Una quindicina di gg fa ho notato un ingrossamento del linfonodo laterale sinistro del collo, sotto l'attaccattura della mandibola che prosegue circa fino a metà collo. Nessun dolore, mobile e duro. Solo un po' di febbre da ieri. Sono andata a fare una eco e mi è stato detto che non si vede l'ilo, che ha una dimensione di cca 3,5 cm. Mi hanno fatto l'agoaspirato e attendo i risultati. Due medici in stanza mi hanno detto che si tratta forse di una cisti branchiale, il liquido prelevato "contiene materia". Mi è stato detto di non preoccuparmi. Che ne pensate, in sincerità? Sono estremamente preoccupata, anche perché cercando su internet (cosa che non è da fare, lo so), si trovano solo dati negativi a proprosito del mio quadro. Ho anche pensato che venisse tirata in ballo la ciste solo per farmi stare tranquilla :(

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A me la versione che Le è stata data mi sembra convincente dalle caratteristiche del materiale prelevato e quindi aspetterei il risultato con serenità.

E non è vero che il sito "pullula" solo di dati negativi

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63/i-linfonodi-o-linfoghiandole-ed-il-sistema-linfatico/
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 154XXX

Grazie della gentile risposta.
Il vostro sito assolutamente no, ma la rete in generale sì.
Attenderò il risultato.
Buon lavoro.

[#3] dopo  
Utente 154XXX

Dal laboratorio dicono che si tratta di una cisti branchiale. In questi casi lei consiglia ulteriori controlli per scrupolo (dopo l'aspirazione doppia non è scomparsa e ho letto che esistono casi di falsi negativi) o ritiene che possa procedere con una visita ORL?

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
L'esame citologico va interpretato nel contesto del quadro clinico-strumentale e quindi precauzionalmente
completerei l'iter diagnostico con una visita ORL.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com