Utente 193XXX
salve,
mio papà di 70 anni è stato operato (duodenocefalopancreasectomia) nel luglio 2010 per un cancro alla testa del pancreas a Verona, dove hanno fatto un ottimo lavoro. dall' ISTOLOGICO è risultato:
Adenocarcinoma duttale moderatamente differenziato dal pancreas. infiltrazione parete duodenale, coledoco, tessuto adiposo peripancreatico. focolai di steatonecrosi. infiltrazione tonaca sierosa, periendoneurale. embolizzazione vascolare endolinfatica, vascolare ematica. margina di resezione retroperitoneale con focale infiltrazione di adenocarcinoma, margia resezione intestinale esenti infiltrazione. metastasi in 1/7 linfonodi dell'arteria mesenterica superiore e nel linfonodo pericoledocico. restanti linfonodi esenti da metastasi.
Adesso sembra stare bene, ha ripreso 13 kg e sta facendo chemioterapia , è arrivato al 6° ciclo con gemcitabina).L'oncologo che lo segue dice che tutto va bene e di effettuare da 6 a 8 cicli di gemcitabina. Ma dopo? Bisogna riprendere la chemio? E soprattutto si puà riuscire a sconfiggere una malattia tanto odiosa? aspetto risposte. Grazie
P.S.allego esito ultima TAC:
TC TORACE: BOLLE DI ENFISEMA MANTELLARE E PARASETTALE COA STRIE FIBROTICHE LA PIU' GRANDE DI 1,7 CM. INVARIATE LE MILLIMETRICHE FOMAZIONI NODULARI. NON SEGNI VERSAMENTO PLEURICO NEI DUE LATI. INVARIATI I LINDONODI A SEDE MEDIASTINICA IL PIU' SIGNIFICATIVO IN CORRISPONDENZA DELLE LOGGIA DI BARETY , DI CIRCA 11MM.
TC ADDOME SI RIVELANO ESITI DUODENOCEFALOPANCREASECTOMIA E COLECISTECTOMIA. IN ATTO SI APPREZZA INSUDICIAMENTO DEL GRASSO MESENTERIALE CON PRESENZA DI ALCUNI LINFONODI COMPRESI TRA POCHI MILIMETRI A 1,7 CM.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

la patologia di base è assai seria ed il coinvolgimento linfonodale è un fattore prognostico negativo. Abbinerei al trattamento in corso un trattamento radiante ed ipertermico locoregionale.

Un grande in bocca al lupo

Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 193XXX

GRAZIE PER LA CELERE RISPOSTA. LA SPERANZA E' L'ULTIMA A MORIRE, ANCHE SE ORMAI HO CAPITO CHE LASITUAZIONE NON E' PER NIENTE RISOLTA, ANCHE SE I MEDICI CONTINUANO A DIRMI CHE LUI E' "FORTUNATO" PERCHE' LO HANNO POTUTEO OPERARE.GRAZIE ANCORA