Utente 440XXX
Buongiorno scrivo per conto di mio marito, siamo molto preoccupati ora spiego perchè.
Da circa una settimana ha scoperto una sorta di "pallina" dura, al collo, in pratica accanto l'attaccatura della mandibola al cranio.
A volte è dolente, altre volte no.
Abbiamo fatto un'ecografia al collo e la dottoressa non ci ha fatto preoccupare, dice che è un linfonodo infiammato e che dovremmo fare una terapia antiinfiammatoria. Dice che ci sono altri linfonodi non molto ingrossati, ma non destano preoccupazione per la loro forma.

Oggi ho ritirato le analisi del sangue di mio marito e di seguito vi riporto i valori:
premetto che mio marito ha 30 anni, padre con carcinoma alla gola e sorella con linfoma di hodgkin adesso in remissione.

CREATINEMIA 0,7
COLESTEROLO TOTALE 201
PROTEINA C REATTIVA 1,50
VELOCITA SEDIMENTALE EMAZIE :
-1 ORA 3,00
-2 ORA 6,00
INDICE DI KATZ 3,00 (QUESTO DATO è MARCATO COME BASSO E CI PREOCCUPA)
TRIGLICERIDI 128
GOT 18
GPT 43
GLICEMIA 87

--------------------------

EMOCROMO:
GLOBULI BIANCHI 6,000 (O SEIMILA, NON CAPISCO SE è UNA VIRGOLA O UN PUNTO)
GLOBULI ROSSI 6,020
EMOGLOBINA HGB 12,800 (MARCATO COME BASSO)
EMATOCRITO HCT 44,600
VOLUME GLOBULARE MEDIO MCV 74,100 (MARCATO COME BASSO)
CONTENUTO MEDIO DI EMOGLOBINA MCH 21,200 (MARCATO COME BASSO)
CONCENTRAZIONE CORPUSCOLARE MEDIA DI EMOGLOBINA 28,600 (MARCATO COME BASSO)
INDICE DI DISTRIBUZIONE DI GLOBULI ROSSI RDW 19,100 (MARCATO COME ALTO)
PIASTRINE 261,000
VOLUME PIASTRINICO MEDIO (MPV) 8,700
PIASTRINOCRITO PCT 0,227


LINFOCITI 2,280
MONOCITI 0,120 (MARCATO COME BASSO)
EOSINOFILI 0,120
BASOFILI ASSENTI (MARCATO COME BASSO)


TRA LE NOTE C'E' SCRITTO ANISOCROMIA

Scusate per l'essere stata molto prolissa, ma abbiamo davvero paura viste le malattie in famiglia.
Potrebbe essere a rischio leucemia o comunque cancro?
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Gian Luca Natali

24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
nulla di quanto ci scrive fa pensare al cancro o alla leucemia. Sorvegliate nel tempo i linfonodi ingrossati ed eseguite la terapia anti-infiammatoria che vi è stata prescritta.
Stia serena e mostri gli esami ad un ematologo perchè l'unica cosa che si vede è che Suo Marito ha una lievissima anemia, che può essere dovuta a mancanza di ferro o alla condizione di portatore sano di microcitemia.
Cosa molto comune in Italia e della quale è importante essere a conoscenza.

Cordiali saluti
Dr. G.L. Natali
Dr. G.L. Natali