Utente 599XXX
Gentili dottori, ho 33 anni, un anno e mezzo fa durante un controllo preventivo, mi è stato diagnosticato un fibroadenoma di 0.5 cm, dopo sei mesi lo stesso è diventato di 0.7.
Ho chiesto di fare un agoaspirato, ma mi è stato detto che era del tutto inutile e questo da tre medici oncologi diversi.
In verità, il primo controllo l'ho fatto in seguito ad inturgidamento delle mammelle e senso di pesantezza in esse. Ho un seno molto piccolo, ma potrei parlare al passato, visto che si è ingrandito. Quindi è evidente la differenza tra i due seni. Quello dove è presente il fibroadenoma è più grande, anche se chi mi sta accanto nota che il tutto è evidente solo prima dell'arrivo delle mestruazioni.
Bene, la mia domanda è: qual'è la misura che deve raggiungere per essere asposrtato? In ogni caso, la presenza di un fibroadenoma può indicare la predisposizione ad un tumore cattivo?
Ho tanta paura, devo andare a controllo e manco da circa un anno.
Cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquilla innanzitutto perchè si tratta di un nodo di piccole dimensioni e sicuramente l'incremento del seno non è da mettere in relazione alla sua presenza.

Nonostante la sua denominazione (...oma) che farebbe pensare ad una natura neoplastica, il fibroadenoma ATTUALMENTE è DA CONSIDERARE COME UNA FORMA DI IPERPLASIA NODULARE che, soprattutto in giovane età, ha un significato ASSOLUTAMENTE BENIGNO, tale da non essere neanche classificabile tra le neoplasie benigne della mammella.

Considerato che il rischio di degenerazione maligna del fibroadenoma è trascurabile, nell'ordine dello 0,1-0,3 %, si possono trarre le seguenti considerazioni :
-NON SONO NECESSARI MONITORAGGI clinico-strumentali ossessivi (se inutili) che risulterebbero diseducativi
perchè amplificherebbero in maniera del tutto ingiustificata la "percezione" del rischio reale, sino al
defitinivo esaurimento delle motivazioni personali.
-di fronte ad una diagnosi di benignità certa (e non presunta) si può assistere nel caso del fibroadenoma al massimo ad un incremento volumetrico del nodulo, evento
RILEVABILE MOLTO BENE dalla stessa paziente che in TAL CASO potrà richiedere la verifica clinica o strumentale senologica.
QUINDI non ci sono elementi per ridurre gli intervalli dei controlli ecografici rispetto alla popolazione normale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 599XXX

Grazie dottore per la sua risposta. Mi ha tranquillizzata tantissimo.
Però per quanto riguarda l'aumento del seno, dottore Le assicuro che è visibile a occhio nudo. In ogni caso, Lei crede che l'aumento del volume e il fatto che siano diventati molto turgidi, possa essere legato ad un problema ormonale?
Ah dimenticavo, se non è classificabile come un tumore benigno perchè lo si distingue dalle cisti che invece ho nell'altro seno(3)? Che differenza c'è tra cisti e fibroadenoma?

La ringrazio immensamente!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) Si
2) La cisti è a contenuto liquido il fibroadenoma solido.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 599XXX

Gentilissimo dottore, La ringrazio infinitamente per la sua chiarezza.
Stamattina ho fatto il temuto controllo. bene è ancora aumentato, siamo a 2.3 cm.
Il medico mi ha innanzitutto prescritto una crema da mettere sui seni, contro questo effetto turgido, che mi dà fastidio non poco, vitamine (non so perchè) e infine ha detto vista la grandezza possiamo pensare ad esportarlo.
Cosa ne pensa?
In verità, temo di asportarlo perchè ho spesse volte sentito che toccare queste cose è pericoloso!
Mi chiedo, se poi rompessi l'equilibrio che si creato nel mio organismo, e magari l'intervento mi provocasse qualche altra cosa?
L'intervento è proprio necessario? Se lo lasciassi così?

Inoltre, al mio oncologo, ho chiesto perchè mi è venuto questo fibroadenoma? Mi ha risposto che è comune nelle donne che alla mia età non hanno ancora figli. Avendo avuto un aborto 3 anni fa, mi chiedo ora se possa esserne stata la causa.
La ringrazio infinitamente.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Può crescere ancora !
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 599XXX

Grazie dottore, ma può crescere ancora fino a quanto prima di dover essere asportato?

E poi, per quanto riguarda le cause? l'aborto può essere stato un fattore determinante?

GRAZIE!!!!

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ripeto può crescere ancora e l'indicazione alla asportazione va posta da caso a caso.

Potrebbe esserci una correlazione con l'interruzione di gravidanza
come fattore di crescita.

In generale, e non in relazione alla presenza del fibroadenoma
l'interruzione di gravidanza va considerata un fattore in grado di aumentare il rischio di tumore perché da un lato viene a mancare la maturazione dei lobuli della fase finale della gestazione e dall'altro si hanno livelli elevati di estrogeni e di progesterone in grado di provocare un ricambio cellulare all'interno del seno che favorisce la formazione di cloni di cellule con aumentata possibilità di mutazioni tumorali-
La ipotesi più accettata è che l'ambiente ormonale durante la gravidanza possa promuovere la proliferazione di cellule tumorali "silenti" e già presenti in giovane età.

Vedi
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=33821
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com