Utente 291XXX
Salve Dottore,

Sono preoccupato per mio nonno, 75enne, in quanto dalla TC risulta una cisti di grosse dimensioni. Le scrivo il Referto, con la speranza che mi potreste aiutare a capire di cosa si tratta, se preoccupante e se sia di natura benigna o meno.

" L'esame tomodensitometrico dell'addome e della pelvi è stato eseguito senza e con iniezione endovenosa di contrasto iodato.
In ipocondrio sinistro, in contiguità con la porzione terminale della coda pancreatica, si evidenzia una formazione ovalare ipodensa anche dopo m.d.c. (diametro max 8x4.5cm) a margini indistinti e con parete leggermente ispessita sul versante inferomediale ove si apprezzano anche piccole vegetazioni intrinseche. La lesione suddetta si estrinseca nell'adiacente parenchima splenico, a tale altezza ipoperfuso, ed anteriormente impatta sulla grande curvatura gastrica.
Si abbinano alcune lesioni focali epatiche infracentimetriche, di verosimile significato secondario, nella piccola ala, e di 21mm al V segmento e di 11mm al VI segmento, a sedo sottoglissoniana.
Esiti di colecistectomia con ectasia vicaria del coledoco (12mm)."

Questo è il referto della TC. In attesa di un vostro suggerimento e consiglio. La ringrazio infinitamente.

Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Reputo che l'esito della TAC sia già stato valutato dal suo medico e che l'abbia indirizzato suo nonno ad una visita specialistica oncologica. E così. ?

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 291XXX

Salve Dottore,

Grazie innanzitutto per la risposta. Comunque mio nonno è stato ricoverato per ulteriori accertamenti in ospedale. E' stato sottoposto a RM ed è risultato un probabile cistoadenocarcinoma mucinoso alla coda del pancreas. Da quello che ora dicono i medici, molto probabilmente non dovrà essere operato, ma solamente cominciare una terapia (chemio), prima però vogliono effettuare una biopsia.
Ora vorrei sapere, dato che in ospedale non mi è stata data una risposta molto chiara, mio nonno non sarà operato perchè è molto grave o molto difficile l'operazione e quindi sarà sottoposto a chemioterapia per rallentare, oppure perchè per adesso non c'è proprio la necessità di operare.

Grazie per la disponibilità e per tutto!

Cordialmente.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Probabilmente l'intervento non è indicato per il tipo di patologia che richiederebbe un grosso intervento, e quindi a rischio, in considerazione dell'età di suo nonno.


Saluti

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 291XXX

Capisco, quindi è un intervento difficile, sarà la chemioterapia a rallentare il processo, di più non si può fare!

Grazie mille per le risposte e per il tempo dedicato!

Saluti.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Di nulla e mi ricontatti in caso di necessità.

Auguri.

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 291XXX

Salve Dottore,

La ricontatto per l'insorgersi di un nuovo problema. A seguito di un abbassamento dell'emoglobina e quindi ha fatto per due volte la trasfusione,circa 10 giorni l'una dall'altra, da quello che dicono i dottori (confermate?), è disgiunta dalla patologia indicata sopra in quanto il paziente presenta melena, però ciò fa si che mio nonno non può essere sottoposto alle terapie.

Ora per non restare il tutto fermo, e con il passare del tempo, aggravarsi la situazione, chiedendo e informandomi un po', mi sono imbattuto con l'ascorbato di potassio. Voi cosa ne pensate? Può essere una soluzione almeno per il tempo che si stabilizzi l'emoglobina e per poi fare la terapia?

Grazie mille ancora una volta!

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La medicina convenzionale non riconosce tale metodo di trattamento. Segua le indicazioni dei medici.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente 291XXX

Salve dottore mi scusi se le chiedo ancora, ma ho ricevuto il risultato della biopsia : "Frammenti di parenchima epatico e di carcinoma scarsamente differenziato con focali aspetti di tipo mucinoso. L'indagine immunoistochimica ha mostrato intensa positività per CK7 e focale per CK20. Il complesso dei reperti non esclude una possibile primitività dalle vie biliari intra o extraepatiche.
Si contatta l'anatomopatologo che non esclude l'origine pancreatica della lesione."

Io non ho capito molto, mi può spiegare gentilmente? Vorrei sapere in che stadio è, se è possibile operare e le speranze che ci sono. La ringrazio ancora.


Saluti.

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Adesso abbiamo la natura istologica del tumore, ma sull'operabilità o meno dovranno essere i medici a pronunciarsi. Mi sembra però che abbiamo già escluso tale possibilità .



Saliti

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it