Utente 650XXX
reperto
Esame eseguito con tecnica spirale prima e dopo infusione ev di mdc iodato.
Ispessimento periscissurale inferiore a destra,verosibilmente in esiti ma meritevole di rivalutazione nei successivi controlli.
Non lesioni focali ripetitive nel contesto del parenchima polmonare bilateralmente.
Linfonodo precarenale di 13 mm;minima quota tissutale all'ilo bbilateralmente di possibile pertinenza linfonodale .Calcificazioni linfonodali in esiti in sede sottocarenale ed ilare a DX.
Assenti versamenti pleurici.
Tessuto iperdenso dopo mdc a livello della mammella SN,verosimilmente riferibile alla patologia nota in anamnesi,ed associate alcune linfoadenopatie del prolungamento e del cavo ascellare omolaterale.
Fegato di dimensioni nei limiti,sede di due piccole formazioni (6mm circa di DM)relativamente ipodense dopo mdc,apparentemente solide,localizzate tra V e VI segmento;necessario approfondimento con esame RM con mdc per escluderne la natura ripetitiva.
Formaziona iperdensa dopo mdc a livello del parenchima del margine splenico inferiore,compatibile con piccolo angioma.
Non aspetti patologigi dei restanti organi addomino-pelvici.
Non tumefazioni linfonodali ne' versamento libero endoaddominale
CRANIO
Esame eseguito dopo infusione di mdc.
Non evidenza di alterazioni densitometriche focali nel contesto delle strutture dell'encefalo.
Normale il sistema ventricolare sopra e sottotentoriale.
In asse le strutture della linea mediana.
Non dilatati gli spazi subaracnoidei periencefalici.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Forse sarebbe necessario mettere dei dati aggiuntivi, tipo una breve storia clinica ("...Tessuto iperdenso dopo mdc a livello della mammella SN,verosimilmente riferibile alla patologia nota in anamnesi,ed associate alcune linfoadenopatie del prolungamento e del cavo ascellare omolaterale..."); da ciò si evince che vi sia un problema noto (tranne a noi) in fase di stadiazione (o ristadiazione???), che merita approfondimento diagnostico con RMN (o con ecografia con mezzo di contrasto, ma aggiungo al buio).

Ci tenga informati, se le fà piacere.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)