Utente 303XXX
Gent.mo Dr. sono stata operata fine marzo per carcinoma duttale infiltrante al quadrante infero interno della mammella sinistra, mediante quadrantectomia. Quadrante mammario di cm 10x 8 x3 sormontato da losanga cutanea di cm 7 x 2,5. Esito istologico: carcinoma duttale infiltrante( G1 sec ELSTON.CM 0,7) Mastopatia fiberocistica con focolai di iperplasia duttale atipica ( DIN 1B SEC.WHO) ed iperplasia duttale usuale (UDH), papillare e macropapillare. Presenza di microcalcificazioni e di marcatura con polvere di carbone. I margini di resezione e la cute sovralesionale appaiono indenni.
Positività immunoistochimica per ER-ICA ( 100%), PGR-ICA ( 100%) Negatività per CERB-B2. Indice di proliferazione con KI67 2% Non evidenza di invasione degli spazi linfovascolari peritumorali. Linfonodo sentinella di cm 2 senza macrometastasi. Prognosi radioterapia per 31 sedute che inizierò a giorni e Tamoxifene 20 mg. al dì per 5 anni . Esami: Mammografia annuale; emocromo, calcemia. creatinina, fosfatasi alcalina, AST, ALT, bilirubina, colesterolo, trigliceridi, Ca 15.3, Ca 19,9, CEA tra sei mesi,Visita di controllo semestrale. Vorrei chiedere se la terapia prescritta e gli eventuali esami futuri li ritiene idonei, Durante l'ultima visita non ho fatto presente che da 2 anni assumo, mezza compressa ( 10mg) di Daparox per un problema di depressione, purtroppo ho letto che è controindicato assumere paroxetina con tamoxifene perchè ne limita l'assorbimento, con che farmaco potrei sostituire la proxetina. La psichiatra mi ha consigliato di chiedere all'oncologo.
Resto in attesa e nel ringraziarLa porgo cordiali saluti.
Lella

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Intanto in ragione del > un problema di depressione>> credo Le farà piacere avere una conferma che il quadro presenta come favorevoli quasi tutti i fattori prognostici e quindi suggerisce un cauto ottimismo.

Sul problema della paroxetina l'importante è che sia informata sulla interferenza con il tamoxifene e Le chiedo di non aspettarsi da me una risposta (vietato interferire sulle terapie senza un contatto reale e quindi a distanza) e pertanto alla prima occasione ne dovrebbe riparlare con l'oncologo.

Tanti saluti.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 303XXX

Gent.mo Dr. Catania, La ringrazio sentitamente per la celerità della risposta.
Ho già consultato l'oncologo e la psichiatra ed abbiamo concordato di sostituire daparox con citalopram.

Cordialità Lella

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Bene !
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 303XXX

Gent.mo Dr. Catania, aprofitto della Sua disponibilità per rivolgerLe i seguenti quesiti
- quando mi è stato consegnato l'istologico , l'oncologo (a cui bisogna sempre estorcere le parole) mi ha liquidato con " siamo andati benissimo" , invece dalla Sua risposta ho dedotto che ci sono molti esiti favorevoli, ma non tutti; Le sarei grata se volesse essere più specifico.
- ho cominciato da circa 10 gg tamoxifene e da alcuni giorni avverto ezza delle sensazioni strane, stanchezza, gambe molli ed ogni tanto auna compressione al torace come se stessi per svenire, è uneffetto collaterale normale o è il caso di fare ulteriori accertamenti.
La ringrazio in anticipo
lella

[#5]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sensazioni "muscolo-scheletriche" sono normali.

Ovviamente solo con la visita si può averne conferma
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 303XXX

Gent.mo Dr. Catania, a circa 3 mesi dal primo consulto mi rivolgo di nuovo a Lei , per sottoporLe il seguente quesito.
Dopo la quadrantectomia ho effettuato 30 sedute di radioterapia ed iniziato ai primi di maggio 2013 terapia ormonale con tamoxifene. Entrambe le terapie non mi hanno causato effetti collaterali.
L'unica cosa che avverto nel seno operato e radiato dei dolori tipo fitte, la radiologa mi ha dettto che tutto questo è normale perchè si è instaurato un processo infiammatorio, sono un pò preoccupata perchè queste fitte le sentivo anche prima dell'operazione.
La terapia con tamoxifene mi ha provocato la sospensione delle mestruazione per 2 mesi , ma questo mese il cliclo è tornato regolare.
Questo è normale?
Il farmaco sta facendo effetto ugualmente?
Se agisce come inibitore degli estrogeni, come mai mi è tornato il ciclo?
La visita di controllo dal senologo/oncologo è fissata per novembre, secondo Lei posso stare tranquilla o è il caso di consultarlo.
La ringrazio anticipatamente.
Lella

[#7]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ravvedo ragioni per anticipare il controllo. Ovviamente ne parli in tale occasione senza preoccuparsi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 303XXX

Gent.mo Dr. Catania, la ringrazio sentitamente.
lella

[#9] dopo  
Utente 303XXX

Gent.mo Dr. Catania, dopo l'operazione per il carcinoma ho cominciato a seguire la dieta del Porfessor Berrino ( mi sento un pò come chi chiude la porta dopo che i buoi sono scappati, ma pazienza cerchiamo di recuperare il recuperabile) che mi ha portato a perdere 12 Kg in circa 4 mesi. Ho cercato di seguire anche le sue linee guida e vorrei farLe una domanda in merito alla curcuma: in caso di gastrite cronica è possibile assumerla ugualmente?
Cordialità
lella

[#10]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sì non superando la dose di un cucchiaino al giorno.

Dopo valuterà Lei se è bene tollerata.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com