Utente 131XXX
Salve,
ancora una volta mi ritrovo a scrivere per un problema che ormai mi assilla da diversi anni:i linfonodi gonfi.
ormai ho imparato a conviverci, ma stavolta ho un rigonfiamento sotto il mento che mi desta parecchia preoccupazione. Ieri mattina mi sono svegliata con un Herpes sotto il labbro, sulla pelle. Cosa di per sé insolita vistp che solitamente mi viene sulle labbra.sono indisposta quindi ho attribuito la sua presenza a ciò. Ad ora di pranzo mi sono accorta di avere un rigonfiamento sotto il mento fino alla gola. Al contrario degli altri linfonodi, sempre che di un linfonodo si tratti, è più grosso. Quanto una noce credo. E non risulta mobile,ma dolente al tatto e non solo. Mi sono accorta della sua presenza infatti perché sentivo un dolore, come tirare.non ho mal di gola né raffreddore. Nessuna carie di particolare rilevanza.Non ho febbre e non sono dimagrita,anzi negli ultimi mesi ho preso 5 kg(in questi giorni avevo appunto inizuato una dieta:peso 58kg per 1.56 m).Ho fatto le analisi i primi di novembre e i valori risultavano nella norma. A marzo dell'anno scorso però risultava la dicitura:rari eritroblasti, cosa che mi ha fatto preoccupare, ma essendo le mie analisi successive ok, l'ematologia mi ha tranquillizzato dicendomi che erano dovuti al fatto che sono portatrice sana di anemia mediterranea. Nelle analisi ho spesso un'inversione della formula per quanto concerne linfociti e neutrofili in percentuale, ma a novembre anche questa anomalia era assente. Nel 2010 ho eseguito una tipizzazione dei linfociti, da cui risultava che erano verosimilmente dovuti ad una infezione.
ORa sono nuovamente preoccupata per questo nuovo rigonfiamento inconsueto. Lunedì mi recherò dal mio medico, ma nel frattempo potreste darami qualche indicazione? È un linfonodo? Devo allarmarmi?
Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Per sapere se si tratta di un linfonodo o altro occorre, comprenderà bene la visita.

Da quanto scrive è probabile che si tratti di un linfonodo reattivo e quindi starei tranquilla.

Faccia la visita in tutta serenità, ma intanto stacchi con il suo PC dalla ricerca di informazioni su un tema così ansiogeno.

Legga perché

https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com