Utente 307XXX
Gentili Dottori, volevo sottoporre alla vostra gentile attenzione dei referti di analisi del sangue eseguite con cadenza semestrale, a partire da settembre 2012 a circa sei mesi fa..Premetto di essere un soggetto ansioso e un po ipocondriaco. Trascrivo le analisi e poi passo al dunque:
Siderno 159
Glicemia 90
Colesterolo tot 175
Coleste. Hdl 41
Trigl. 117
Trans. Hot ast 19
Trans. alt 20
Leucoc. 6,83
Eritr. 5,21
Emog. 14,9
Emac. 43, 8
MCv 84
MCh 28
Mchc 34
Rdw 12,2
hdw 2,69
Piast 133 mila
mpv 13,1
PCt 0,17
PDw 67
Formula non la trascrivo ma ok
Dopo 8 mesi ripeto emocromo
Leucoc. 8,04
Eritr 5,13
Emoglob. 14,6
Ematocr. 42,3
MCv 82,5
Mch 28,4
Mchc 34,4
Rdw 12,5
Hdw 2,68
Piast. 126000 (un po calate)
Mpv 12,2 (ristabilizzato risp al prec)
PCt 0,15
PDw 71,8 (aumentato)
Dopo quattro mesi ripeto emocromo
Luco. 7,97
Eritroc. 5,23
Emoglob. 15,1
Ematoc. 43
MCv 82,7
Mch 28,8
Mchc 34,9
Rdw 12,4
Hdw, 2,59
Piastrine 128000 (un po risalite)
Mpv 11,8
PCt 0,15
PDw 65,1(ritornato nella norma)
Formula leuc.
Circa sei mesi addietro mi rivolgo di iniziativa da un ematologo il quale mi fa semplicemente rifare l'emocromo con due provette diverse ovvero EDTA e CITRATO.L'intero emocromo era buono sono le piastrine un po basse, ovvero in EDTA erano 110.000 mentre in Citrato erano 140000. L'ematologo mi ha detto che col citrato bisogna aggiungere il 10% sulla conta piastrinica, quin per lui erano ok. Inoltre sul referto mi ha fatto notare che vi erano segnalati aggregati piastrinici/piastrine giganti. Ha concluso dicendomi che anche il valore dell'ampiezza delle piastrine era ai livelli massimi quindi per lui il mio corpo produce piastrine grandi per la quantità che gli bastano, e che comunque come dato di fatto esse si aggregano sfalsando il conteggio. Mi consigliò solo di ripeterle ogni tanto. Dopo un mese circa le ho rifatte e sempre emocromo ok e stavolta le piastrine in EDTA erano nei limiti della norma 155000.
Personalmente sono rimasto traumatizzato per leggevo da internet che le piastrinopenie posso essere causate dalla Leucemia.
Volevo chiedervi, se fosse questa malattia, oltre alle piastrine avrei trovato altri valori sballati?
L'ematologo è un medico competente per diagnosticare e/o scartare tali ipotesi dallo studio delle analisi?
A distanza di tempo, senza cure, le piastrine, se fosse stata questa malattia sarebbero crollate o possono comunque aumentare e diminuire lo stesso?
A distanza di due anni e mezzo circa, e dalle analisi condotte, sarebbe già emersa?
Il medico curante mi dice di non preoccuparmi ma io volevo di iniziativa rivolgermi ad un oncologo, cosa ne pensate?
Grazie Mille.
Distinti saluti

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lasci perdere la leucemia e se vuole approfondire il tema provi a ripostare in area EMATOLOGIA

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 307XXX

Grazie mille dottore, scrivevo sperando solo di scogliere l'enorme confusione e ansia che mi è venuta leggendo da internet. Ecco perché il consulto in oncologia. Quindi mi sembra di aver capito che la leucemia non ha che fare con l'oncologia?grazie sempre e Lei è sempre molto corretto è disponibile.
Saluti

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Infatti la prima cosa da fare (oltre a star tranquillo da quanto scrive)...di STACCARE immediatamente dalla ricerca di informazioni sulla rete su temi così ansiogeni per non incrementare il suo labile livello di ansia.

Legga perchè (anche se su consulti richiesti per altre ragioni)


https://www.medicitalia.it/consulti/oncologia-medica/273602-per-il-dott-catania.html

https://www.medicitalia.it/consulti/senologia/481804-retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni.html

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 307XXX

La ringrazio per il consulto.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente 307XXX

Buongiorno dott. Catania, la scrivo perche, come da Suo consiglio, non riesco a postare il tema nella sezione ematologia.
Tuttavia, volendo seguire il suo consiglio di non cercare su internet cosi simili volevo allontanarmi da tali tematiche.
Dalla lettura dei precedenti consulti su tale problematica ho letto ovviamente che le cause posso essere tante, ma quello che mi sta a cuore è capire se con un quadro del genere si possa ipotizzare una forma di neoplasia al midollo dunque ivi compresa una leucemia. La mia testa "batte li, quindi speravo che Lei potesse darmi un ulteriore chiarimento. Ad esempio ho letto che esistono leucemie croniche, che hanno un tempo di evoluzione più lungo. A tal proposito il mio medico curante mi ha detto che seppur esistono ma di fatto gli esordi permangono comunque diversi dalle sole piastrine lievemente basse e che in questi casi contano molto i G.B. e la presenza di blasti che il laboratorio avrebbe segnalato.
Peraltro ha aggiunto che essendo una malattia che porta un continuo decorso avremmo dovuto notare al massimo il numero di piastrine in continua discesa mentre le mie stazionano sulle 130000 e addirittura le ultime analisi di sei mesi fa erano 150000 nonostante gli aggregati piastrinici.
Non è per non fidarsi del mio medico, o dell'ematologo che mi ha visitato, ma siccome Lei è uno specialista volevo capire se conferma questa spiegazione che mi hanno dato (ovviamente molto elementare). Mi creda questa cosa mi ha veramente terrorizzato, e sono da tre anni che vivo con un ansia costante, solo per la lettura di alcuni articoli scientifici dal web che in primis non sono in grado di comprendere fino in fondo non essendo un medico e secundis talvolta troppo superficiali.
Grazie Mille dottore, ho avuto moto di constatare che Lei è una persona molto umana, mi aiuti a fare un po di luce e sciogliere questi dubbi.
P.S. quando ho parlato di fare visite oncologiche il mio medico curante ha sorriso.
Distinti Saluiti

[#6]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Concordo con il suo medico e l'ematologo per le ragioni che ha correttamente spiegato Lei
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 307XXX

Buonasera Dr Catania, volevo chiederle un consiglio, in pratica è da almeno cinque anni che ho l'emocromo con formula perfetti tranne le piastrine. Ogni sei mesi faccio le stesse analisi e le piastrine sia girano tra le 110alle 140 circa. Una volta ho fatto l'emocromo in citrato ed il valore era salito quasi alla norma mentre altre volte il citrato me le ha diminuite rispetto l'Edta. Il mio medico dice che in questo caso va preso in considerazione il dato reso dall'Edta.
Le domande sono le seguenti:
1) perché il citrato a volte le da più alte e altre volte più basse? Eventualmente puoi indicare che gli strumenti sottovalutano il reale numero? ?
2) perché il mio ematologo ed il medico curante non mi prescrivono esami tipo anticorpi anti piastrine e/o quant'altro ( cosa che vedo di consutudine consigliare nel web)
3) di iniziativa ho fatto una ecografia al collo perché sentivo al tatto dei linfonodi e l'eco grafista quando ha saputo che era una mia iniziativa si è un po arrbbiato dicendomi che non aveva senso, ad ogni modo ha rilevato qualche linfonodo latero cervicale massimo 1 cm scrivendo che erano tutti assolutamente reattivi; volevo chiedere se la piastriopenia a distanza di anni e con valori stabili possa essere precussore di qualche linfoma;
In ultimo perché il mio ematologo si ostina a dire che non soffro di piastrinopenia quando oggettivamente i valori sono più bassi del range previsto? P.s. Lui dice che al di sotto dei 100.000 allora si potrebbe iniziare a parlare di piastrinopenia.
Grazie per l'attenzione.
Distinti saluti

[#8] dopo  
Utente 307XXX

Scusi se la disturbo dottore, ma questa cosa del citrato che le diminuisce rispetto a prima mi preoccupa molto. Potrebbe darmi una spiegazione? A volevo aggiungere che il globulo rosso erano 5,16 mentre il laboratorio detta il range sono a 5. È preoccupante in associazione alle piastrine?
Ringrazio abticipatamente

[#9] dopo  
Utente 307XXX

Buonasera gentile dottore volevo avere un suo parere. Devo sottopormi ad un intervento di otoplastica, stamane ho seguito la visita preliminare con il chirurgo al quale ho mostrato il seguente emocromo fatto 20 gg fa (lo faccio ogni due mesi in autonomia per controllare le piastrine che ormai da cinque anni ho scoperto tendere al basso ma mai scese sotto le 110000 unità). Ad ogni modo le elenco l'ultimo emocromo e poi passò alla domanda:
Wbc 8,99
Rbc 5,12
Hbc 15,5
Hct 42,6
Mcv 83,20
Mch 30,30
Mchc 36,40
Plt 135000 ( sono risalite senza alcuna terapia, come da sempre).
Per cui il chirurgo ha acquisito queste analisi chiedendomi di effettuare come prassi pre operatoria i fattori della coagulazione e basta visto che l'intervento di fare in anestesia locale senza sedazione (ovviamente ecg). Secondo il chirurgo il numero di piastrine è più che sufficiente per questo intervento dato che la zona da trattare è poco vascolarizzata; in più diceva che la coagulazione sarà favorita, come da sua tecnica, dal' infusione locale di farmaci vado costrittori.
Volevo chiederle vista la sua maggior competenza in tema ematologico, se effettivamente il numero di plt è congruo rispetto l'intervento.
Se fosse stato opportuno farmi rifare di nuovo l'emovromo, o effettivamente può basarsi su quello che fatto 20gg fa (ho mostrato anche le pregresse analisi fatte ogni due mesi tre mesi , dunque per lei le piastrine hanno questa forma congenita tendente al basso, nient'altro).
Se i fattori di coagulazione che dovrò fare sono correlati a quello delle piastrine o se sono indipendenti.? Cioè potrei anche trovarli normali?
Ad ogni modo sono questi: pt ppt fl. Grazie mille dottore.

[#10] dopo  
Utente 307XXX

Gentile dottor Catania, oggi rileggevo le richieste di consulto. Intanto volevo scusarmi per il modo continuo e ansioso con cui ho riproprosto sempre lo stesso quesito al quale già aveva risposto in maniera esaustiva in altri consulti. Grazie all'aiuto del mio neuro/psichiatra sono riuscito ad uscir fuori dalla spirale di paure eccessive che mi stravolgevano la vita. Ora cerco di vedere il lato positivo delle cose, ad esempio 10gg fa ho rifatto le analisi come faccio ogni tre mesi e le piastrine (che mi hanno tormentato, o forse io ho tormentato loro) erano a 145000 e quindi mi sono detto:OTTIMO senza guardare più quel range che non deve essere per forza raggiunto.
Spero che questo post possa essere anche da esempio o sollievo a chi è intrappolato nelle sue paure. Ormai ho capito che preoccuparsi serve a poco se non peggiorare la situazione. Ogni volta il nostro corpo proporrà cose diverse dovranno essere valutate solo dai Medici e non da internet leggendo articoli scientifici talvolta spazzatura. Grazie ancora dott Catania. La salutò e le auguro buone cose