Utente 459XXX
Buonasera,
a mia moglie 40 anni, con ciclo regolare e madre di due figli allattati regolarmente, è stato diagnosticato nel mese di giugno un nodulo al seno destro di circa 20mm x 10 mm tramite ecografia e mammografia. Il nodulo dopo anche visita dal senologo, è stato classificato come possibile cisti o fibroadenoma, cmq ci è stato consigliato l'goaspirato.

Ad inizio agosto abbiamo eseguito l'agoaspirato:
Nodulo alla mammella destra diamtero massimo complessivo di 27mm, a contorni lobulati ed ecostruttura iso-ipocogenea con grossolane calcificazioni. La formazione appare costituita da una porzione francamente cistica di circa 20 mm in posizione mediale, a contorni regolari ed ecostruttura di aspetto corpuscolato e da una porzione periferica di circa 10mm, a contorni lobulati ed ecostruttura marcatamente ipoecogenea, disomogenea con grossolane calcificazioni interne. Non si osservano al color doppler, segnali vascolari interni alla formazione, solo modesti segnali vascolari periferici. Si osservano inoltre multiple cisti di dimensioni variabili distribuite su tutto l'ambito e da ambo i lati.

Esame citologico:
Gli strisci sono costituiti da gruppi tridimensionali di cellule epitoliemorfe, talora disposte singolarmente con spiccata anisonucleosi, aumentato rapporto nucleo/citoplasma e ipercromasia nucleare; non si apprezzano cellule mio-epiteliali C4.

Dopo questo risultato abbiamo effettuato ago-biopsia, ma siamo ancora in attesa della risposta.
Comunque essendo un C4 per fine mese il nodulo, o presunto tale, deve essere tolto.
Chiedo un vostro consulto in merito non capendo troppo sui referti sopra riportati. Ci dobbiamo preparare al peggio o forse siamo arrivati per tempo? Inutile dirvi il brutto momento che stiamo passando. Vi ringrazio anticipatamente per le risposte. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sin qui abbiamo solo un citologico che indica un sospetto. (C4)
Non sappiamo niente altro sulla natura della lesione.

Ci aggiorni se lo desidera per un ulteriore approfondimento
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 459XXX

Certamente, grazie per la risposta, l'aggiorno non appena avremmo anche l'esito della biopsia. Buona serata.

[#3] dopo  
Utente 459XXX

Buongiorno dottor Catania,
ieri mia moglie è stata sottoposta a qudrantectomia in quanto dall'esame estemporaneo erano presenti delle celllule maligne. Sono stati asportati 3/4 linfonodi perchè ingrossati ma il linfonodo sentinella è risultato "pulito".
Domani sarà dimessa, ora dobbiamo aspettare l'esito finale dell'istologico per capire con quali cure proseguire.
Il chirurgo è ottimista visto l'esito del sentinella, ci ha comunque prospettato sicuramente della radioterapia per il resto aspettiamo.

Appena avrò il responso dell'istologico la informerò (credo 15-20 gg), le chiedo solo quanto possiamo contare o quanto è affidabile il fatto di avere il linfonodo pulito?

Grazie ancora per il tempo, le informazioni edi consigli che dedica alle persone.

[#4] dopo  
Utente 459XXX

Dottore di seguito l'esame istologico:

DIAGNOSI ISTOLOGICA ESTEMPORANEA 1) Carcinoma intraduttale con associata estesa flogosi. 2) Linfonodo con aspetti reattivi.

DIAGNOSI ISTOLOGICA DEFINITIVA: Il frammento di ghiandola mammaria è sede di carcinoma intraduttale ad alto grado nucleare con necrosi.
I frammenti cerebroidi sono sede di carcinoma con aspetti solido-papillari e con presenza di alcuni gettoni neoplastici isolati con dubbi aspetti infiltranti, in assenza di immunoreattività per Calponina e p63.

Quest'ultima componente neoplastica è risultata non immunoreattiva per recettori per estrogeni e per progesterone, con una frazione di proliferazione (KI67) del 75% e con debole e parziale immunoreattività di membrane per HER2/NEU nel 20% delle cellule neoplastiche.
Margini di resezione, cute, segmento mammario e linfonodi esenti da neoplasia.

Il chirurgo ci ha tranquillizzato (per quanto possibile), adesso dovremmo sentire cosa ci dirà l'oncologo e quali terapie fare. I 4 linfonodi tolti erano tutti puliti e ci ha detto si tratta di un carcinoma "in situ".

Le chiedo gentilmente un parere sulla neoplasia di mia moglie, ringraziandola anticipatamente del suo tempo.