Terapia sis per frattura piatto tibiale a distanza di 20 giorni dall'evento

Salve,
Di seguito referto RX per frattura piatto tibiale e perone:
Esiti di frattura scomposta multiframmentaria della testa del perone e del piatto tibiale sul versante laterale con rima di frattura che dalla regione metaepifisaria raggiunge cranialmente il versante articolare con coinvolgimento delle spine tibiali.
In corrispondenza del III prossimale della diafisi tibiale si osserva alterazione osteosclerotica di 13 mm.
Ulteriore minuta alterazione osteosclerotica di 4 mm in corrispondenza del condilo femorale mediale.

Questa ultima radiografia a distanza di 10 giorni dalla prima che non ha evidenziato mutazioni nella frattura e l'ortopedico ha quindi ritenuto di continuare con immobilizzazione della gamba tramite tutore.

Vorrei sapere se a 20 giorni dall'evento è consigliabile sottoporsi a SIS oltre alla magnetoterapia standard che sto già effettuando oppure potrebbe comportare dei problemi?

Prossima radiografia e consulto ortopedico è a 30 giorni dall'evento dove dovrei poter iniziare la riabilitazione del ginocchio aspettando invece ancora un mese per caricare la gamba.

Grazie mille per l'attenzione.

Claudio
[#1]
Dr. Efisio Musu Ortopedico 1.1k 76
Potrebbe benissimo sottoporsi già ora che sta effettuando magneto terapia standard alla SIS che altro non è che un CAMPO MAGNETICO a bassa frequenza (detto volgarmente Magneto-Terapia) che ha lo scopo In primis dell’accelerazione sul processo di guarigione delle fratture con la formazione e sviluppo del tessuto osso e inoltre di migliorare il micro circolo.
Continui a tenere il tutore sino a quando le radiografie non attesteranno la consolidazione delle fratture avvenuta.
La saluto cordialmente.