Utente
Buongiorno,
circa 20 giorni fa ho subito una distorsione del ginocchio destro, mi sono recato al pronto soccorso ove hanno escluso lesioni ossee, e mi hanno inviato a consulto ortopedico. Quest'ultimo a seguito di visita ha detto che era troppo gonfio e dolorante e mi ha detto di tornare dopo 10 giorni. Alla visita seguente mi ha detto che il ginocchio era in blocca articolare e miha prescritto una risonanza magnetica.
Ora a distanza di 20 giorni circa dall'evento questo è il referto della RM:

Sono stati acquisiti tomogrammi sui tre piani ortogonali, con tecnica fast spin Echo T1 e T2 pesata, T2 pesata con saturazione del segnale del grasso.
Distrazione del legamento crociato anteriore, iperintenso per fenomeni di infarcimento emorragico intrasinoviale a livello del tratto medio-preiserzionale distale.
Esiti distrattivi del legamento collaterale interno.
Esiti distrattivi al punto d'angolo postero-esterno.
Normalità del legamento crociato posteriore.
Conservato il menisco mediale.
Il menisco esterno mostra bordo libero arrotondato livello del corpo e del corno, peraltro senza sicuri segni di discontinuità.
Esiti contusivi con edema della spongiosa a livello del piano di carico del condilo femorale esterno e del profilo posteriore dell'emipiatto tibiale corrispondente, estesi al profilo posteriore dell'emipiatto tibiale mediale.
Assetto rotuleo in asse.
Distensione fluida dello sfondato sotto quadricipitale.

In attesa della prossima visita, che non avverrà prima di 10 giorni, vi volevo cortesemente chiedere lumi su cosa riporta il referto che a me risulta incomprensibile, inoltre vi volevo segnalare che non riesco a piegare il ginocchioe sento un dolore acutissimo nella parte laterale interna dello stesso.
Cordialmente
Luca

[#1]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La RMN mostra che il trauma subito è stato di una entità non trascurabile (edema spongioso...infarcimento emorragico...) ma per esprimere un giudizio prognostico non è sufficiente basarsi eslusivamente su un referto diagnostico strumentale, sia pur tecnologicamente avanzato come la RMN. E' necessario valutare la stabilità della sua articolazione facendo una corretta visita specialistica ortopedica. In attesa della visita io le consiglierei di evitare di appoggiare l'arto a terra sotto il carico del corpo, usando delle stampelle. Una cosa da fare invece è eseguire delle contrazioni isometriche del quadricipite per non perdere tono muscolare. Ci tenga informati
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille della prontissima risposta Dottore, è stato gentilissimo, mipotrebbe spiegare cosa dice la risonanza relativamente al menisco e se la differenza tra distrazione ed esiti distrattivi?
Inoltre per le distrazioni potrebbe essere necessario un intervento chirurgico?

Infine saprebbe indicarmi un professionista che operi nella zona di Anzio a cui rivolgermi.

Cordiali saluti
Luca

[#3]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
A livello del menisco non ci sono chiari segni di lesione o meno. La distrazione indica uno "stiramento" della struttura con parziale interruzione di alcuni fibre e gli "esiti" indicano un quadro residuo di precedenti lesioni. Le distrazioni non richiedono generalmente alcun trattamento chirurgico. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#4] dopo  
Utente
Approfitto ancora della sua gentilezza, mi è stato consigliato di recarmi da un fisiatra, ora la domanda è, nel mio caso meglio rivolgersi ad un ortopedico o ad un fisiatra?

Cordiali saluti.
Luca

[#5]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La visita fisiatrica si fa in prosppettiva di un trattamento fisioterapico e quindi è sempre nell'ottica di un più rapido recupero senza intervento. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#6] dopo  
Utente
Gentile dottore,
sono uscito oggi dall'Ospedale dove, in artroscopia, è stata rilevata una frattura del corno del menisco che si era infilata nell'articolazione e non mi permetteva di flettere completamente la gamba, inoltre è stato ritensionato il legamento anteriore che si era stirato eccessivamente.

L'operazione è andata bene e non ho avvertito nessun dolore nel giorno seguente, oggi sento tirare i punti di sutura, perlomeno credo siano quelli in quanto ho la gamba completamente fasciata con tensoplast.

Volevo gentilmente chiederle se questo tirare che sento è normale ed inoltre mi hanno prescritto di tenere ghiaccio e gamba rialzata per una settimana senza caricare il peso sull'arto durante la deambulazione con canadesi. Avrò il controllo tra una settimana.
Grazie ancora delal disponiblità e buona giornata.

[#7]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La sensazione di "tirare" che riferisce, potrebbe essere dovuta alla fasciatura che internamente potrebbe essere adesiva e quindi tira sulla cute oppure perchè si sta formando del liquido ed i tessuti "vanno in tensione". Usi quindi del ghiaccio per 2 ore tre volte al giorno e rispetti il riposo che le hanno prescritto. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi