Edema dell'osso trabecolare

Buongiorno, a seguito di una caduta sugli sci, che mi ha provocato dolore e gonfiore al ginocchio dx, ho effettuato una Rx da cui non risultavano segni di fratture e i rapporti articolari erano nella norma.
mi fu prescritto un bendaggio compressivo per 7 gg, da rimuovere la notte, applicazioni di ghiaccio localmente e dicloreum schiuma.
sempre su indicazione dell'ortopedico qualora trascorso del tempo i sintomi non si fossero risolti, mi consigliava di effettuare un RMN. poichè i dolori a distanza di due mesi di sono ripresentati, con difficoltà nel camminare o nel fare le scale a fine giornata, ho deciso di effettuare la RMN e l'esito è stato: Non si rilevano alterazioni morfologiche o di segnale a carico dei menischi. I legamenti crociati e collaterali mostrano calibro, segnale e decorso regolari. Si rileva un'area di edema dell'osso trabecolare, su base verosimilmente contusiva posttraumatica, localizzata in corrispondenza del versante anteriore del piatto tibiale esterno. Non si osservano in tale sede rime di frattura macroscopiche. Il reperto è
presumibilmente alla base della sintomatologia in atto. Non si osservano versamenti significativi. Minime quote fluide sono localizzate in sede
retro rotulea e intercondilare. La rotula è in sede. Nei limiti i tendini rotuleo e quadricipitale.
il dolore persiste e svanisce solo se sono a riposo e non carico sul ginocchio. cosa devo fare?
[#1]
Dr. Umberto Donati Ortopedico, Chirurgo della mano, Medico legale, Perfezionato in medicine non convenzionali 7.9k 277 9
Purtroppo non è possibile esprimere un parere su un quadro clinico sconosciuto solo leggendo un referto RMN, senza averla visitata e senza aver visto le immagini della RMN. Le ricordo che la RMN non ha nessun significato clinico da sé sola ma acquista rilievo solo quando va a completare la visita specialistica integrandosi con quanto emerso dall'esame clinico. C'è quindi solo una cosa da fare: tornare dall'ortopedico e mostrargli le immagini della RMN (e non il solo referto), in modo che possa decidere il trattamento appropriato.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it