Utente
Buongiorno,
Mio figlio di 8 anni 1/2 è caduto circa una settimana fà fratturandosi il femore sx a circa un terzo dell'altezza dal bacino. La frattura è netta ed è scomposta con sovrapposizione di circa tre cm. Ora da Martedì 31 Aprile che è in trazione per il riallineamento dell'osso. I medici dell'ospedale in cui è ricoverato dapprima parlavano di un ingessatura tronco/piede per l'immobilitazzione totale, poi vedendo la natura del bambino (molto movimentato) e con struttura ossea piuttosto robusta hanno deciso per un fissataore esterno. Io e Mia moglie siamo in confusione totale, c'è chi ci dice (medici)di non fargli toccare l'osso da nessun tipo di fissaggio perchè potrebbe compromettere la successiva crescita del femore, c'è chi ci dice (medici) di non farlo ingessare perchè comunque la frattura potrebbe scomporsi di nuovo e tra l'altro andremo incontro ad almeno due mesi di immobilità insostenibile anche perchè Mia moglie è al 5° mese di gravidanza ed Io stò fuori di casa 10 ore al giorno. Oggi i medici ci dicono che domani 9 Aprile gli applicheranno il fissatore ma Noi non sappiamo se autorizzarLi o no. Potete darci un indicazione in merito?
Grazie.

[#1]  
Dr. Valeria Setzu

24% attività
0% attualità
8% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Buongiorno a voi.
Ritengo che il rischio di lesione dei nuclei di crescita con l'utilizzo di un fissatore esterno sia praticamente inesistente. La successiva crescita del femore potrà essere influenzata solo da una lesione causata dal trauma subito ed è abbastanza improbabile in una frattura diafisaria. Qualche volta l'aumento del flusso ematico creato dal trauma può comportare un iperaccrescimento del segmento osseo pertanto il bambino dovrà essere seguito con controlli periodici successivamente alla consolidazione.
I fissatori esterni monoassiali sono di solito ben tollerati dai bambini, anche molto più piccoli, e consentono un carico precoce. Sarà quindi possibile per il bambino frequentare la scuola e uscire di casa. Al contrario con il gesso dovrebbe stare a letto per un periodo di circa due mesi.
Il fissatore esterno consente inoltre di correggere eventuali deviazioni anche durante il trattamento senza necessità di ulteriori interventi.
Cordiali Saluti
Dr. Valeria Setzu

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dott.ssa Setzu,
ora sono più tranquillo anche se qualche piccola paura resta.

[#3]  
Dr. Valeria Setzu

24% attività
0% attualità
8% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
E' normale.. Passate una notte serena.
Presto questo sarà solo un ricordo spiacevole.
Cordiali Saluti
Dr. Valeria Setzu

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno,
a circa un mese di distsnza dall'operazione, a seguito delle radiografia di controllo è emerso che il riallineamento della frattura non è perfetto, si è verificato uno spostamento laterale di circa 1/2 cm. e posteriore di circa 1 cm. nonostante il FEA. Alla richiesta di chiarimenti l'ortopedico Mi ha risposto di non preoccuparmi assolutamente in quanto il callo osseo che già è in fase di creazione avanzata creerà un "manicotto" intorno alla frattura, poi essendo un bambino ed essendo un osso lungo con il tempo tenderà a riassumere la forma e la configurazione originaria.
Questa spiegazione Mi lascia un pò perplesso sia perchè essendoci un FEA si poteva correggere sia perchè secondo Me con un osso non perfettamente in asse le articolazioni non lavorerebbero in modo correto. Vi chiedo a questo punto se ciò che Mi è stato riferito dal medico corrisponde a verità o se i miei dubbi sono fondati.
Grazie per l'attenzione.

[#5]  
Dr. Valeria Setzu

24% attività
0% attualità
8% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Buona Sera,
Quello che Le è stato detto è vero. Il bambino possiede una capacità di rimodellamentto osseo molto maggiore rispetto all'adulto. Pertanto probabilmente è stato ritenuto non necessario praticare una correzione ulteriore, che può allungare i tempi di consolidazione, valutando lo spostamento tale da non determinare alla fine del processo riparativo una deviazione assiale.
Aspetto vostre notizie in futuro.
Saluti
Dr. Valeria Setzu

[#6] dopo  
Utente
Replico solo ora a distanza di due anni perchè fino ad ora abbiamo tenuto sotto osservazione il bambino per vedere e valutare gli sviluppi.
La frattura si è perfettamente "risaldata", si nota un discreto aumento dello spessore osseo in corrispondenza di essa.
L'unico problema rilevato è un allungamento maggiore dell'arto fratturato rispetto all'altro di circa 3 cm., ci è stato detto che questa differenza di crescita si normalizzerà con il tempo. E' vero? Spero propio di si. Grazie.

[#7]  
Dr. Valeria Setzu

24% attività
0% attualità
8% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Mi fa piacere sapere che tutto e' andato per il meglio.
Si, sicuramente il rimodellamento osseo proseguirà nei prossimi anni e, considerato che il periodo di crescita sara' ancora di almeno sei anni, le possibilità che questa ipermetria diminuisca sono molto concrete.
Saluti
Dr. Valeria Setzu