Utente
salve,
dovrei farmi un tampone nasale.
solo che fino a ieri (domenica) ho usato lo spray nasonex che ha come principio attivo il mometasone furoato monoidrato (per cercare di curare un ipertrofia dei turbinati.... cura cmq non riuscita)
quanti giorni devo aspettare per farmi questo tampone?
grazie
saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Perchè e da chi è stato prescritto il tampone nasale?
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
ah scusate non pensavo fosse necessario specificarlo anche perchè non c'entra con l'ipertrofia dei turbinati o almeno credo; vedo che avete anche spostato la categoria quindi scusate di nuovo per l'errore.

la cura per l'ipertrofia dei turbinati mi era stata prescritta da un otorino, è finita domenica e non ha funzionato.
ieri, per un altro problema, sono andato all'idi (roma) per un problema dermatologico (che dura da tempo) e visto che mi è stata risocontrata in passato la presenza di uno stafilococco, penso per quello, il medico vuol vedere se lo stafilococco viene dal naso.
poi gli ho detto anche di questo problema al naso, in quanto respirare con la bocca ha un influenza sul problema dermatologico alle labbra, ma non so se la presenza di stafilococco nel naso può causare problemi ai turbinati... e se il medico me l'ha prescritto anche per questo...
quindi volevo solo sapere, avendo preso questo farmaco e visto che ho imparato che per il tampone cutaneo bisogna aspettare 10 gg se si è usato del cortisone su quella parte di cute, se devo aspettare anche per questo tampone 10gg o altro tempo o se posso farmelo subito.
ripeto il medicinale che ho usato è stato nasonex per 21 gg.
saluti
grazie
scusate pensavo fosse una domanda da medicina di laboratorio.

[#3] dopo  
Utente
ma che c'è ancora qualcosa che non va?
se devo precisare qualcos'altro ditemelo
è una cosa piuttosto urgente quindi se posso farmelo domani io me lo andrei a fare domani.(devo fare anche altri esami)
devo farlo all'ospedale e non è una cosa da un attimo per come funziona da noi il nostro ospedale e andare lì per scoprire di non poterlo fare non sarebbe il massimo...
grazie
saluti

p.s. cmq a giorni devo fare una visita da un otorino, visto che la cura non ha funzionato; pensavo, però, di prenotare la visita dopo aver fatto il tampone al naso e aver visto i risultati cosìcche qualora ci fosse qualcosa lo faccio presente anche all'otorino

[#4]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
OK! Allora è sufficiente non spruzzare lo spray nasale almeno un giorno prima del tampone. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#5] dopo  
Utente
grazie
cmq mi ha fatto venire un dubbio:
per caso, se ci fosse lo stafilococco nel naso, questo potrebbe aver a che fare con l'ipertrofia dei turbinati?
debellando l'infezione quindi potrebbe risolversi anche il problema dell'ipertrofia? mi spiega un pò?

le specifico che il mio unico problema al naso è che non respiro bene, praticamente respiro sempre con una narice sola e la narice dalla quale respiro una volta è la destra, la volta dopo la sinistra; ho anche il setto nasale deviato (congenito); mi ha detto il dottore che la causa potrebbe essere allergica visto che sono stato allergico alla polvere da piccolo anche se solo per pochi anni.

del resto non ho sgoccialamenti o altro
ma ogni tanto mi si formano delle crosticine nel naso
saluti
grazie

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
I turbinati sono delle mucose nasali che hanno il compito di filtrare, umidificare e riscaldare l'aria che respiriamo. L'aumento di volume di queste mucose dipende da patologie infiammatorie croniche od allergiche. Tali mucose risentono molto anche dell'umità, del clima e della qualità dell'aria. Se si riesce a capire la causa detrminante l'ipetrofia di queste mucose, generalmente, con una specifica terapia farmacologica, si riesce ad ottenere la loro riduzione: ma non sempre è cosi' facile! Male che vada, se l'ostruzione è tale da creare una sindrome respiratoria, si interviene con una decongestione con radiofrequenze. Qualora si dovesse arrivare a tale decisione, penso che, nel tuo caso, convenga anche ricorrere alla correzione della deformità del setto nasale: Anche se nel futuro, malgrado l'intervento, dette mucose dovessero riformarsi, il setto nasale in asse consentirà sempre una buona respirazione. Comunque, sarà lo Specialista di tua fiducia a consigliarti per il meglio. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#7] dopo  
Utente
grazie
cmq oggi è stata una mazzata sul collo.... l'esame lo posso fare all'ospedale solo tra 1 mese.
domani ci passo sperando che trovino un buco per farmelo fare, visto che si fa al laboratorio analisi dove pensavo non ci fosse bisogno nemmeno della prenotazione ma solo del ticket... speriamo bene

per quanto riguardo il naso pensavo di ricorrere all'intervento con radiofrequenze però se la causa è dovuta veramente ad un infiammazione cronica e basta una terapia farmacologica non sarebbe male
poi questa cosa che, se il setto nasale viene raddrizzato e i turbinati dovessero infiammarsi di nuovo, si respira lo stesso bene non la sapevo e non mi era stato detto.
però ho letto che facendo nello stesso tempo l'operazione di raddrizzamento del setto e quella di decongestione non si può usare questa tecnica delle radiofrequenze(il coblator,) è vero oppure ho letto male?
saluti

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Il tampone lo puoi fare anche presso un qualsiasi laboratorio di analisi cliniche convenzionato con il SSN: te lo fanno immediatamente senza prenotazione.
Per quanto riguarda l'intervento, nella stessa seduta operatoria si puo' eseguire la settoplastica funzionale e la decongestione dei turbinati con radiofrequenze. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente
i laboratori della mia zona non sono molto affidabili...
cmq per fortuna oggi all'ospedale me lo hanno fatto...evvai!
ora io mi trovo a chieti e all'ospedale (all'ultima visita dall'otorino) mi hanno detto che in questo ospedale non si fa la decongestione col coblator.
lei per caso sa quale ospedale vicino a chieti (abruzzo) potrebbe farlo?
sennò lo fanno anche strutture private?
considerando che se dovessi farmi anche la settoplastica vorrei fare l'intervento più moderno e usare i tamponi che si sciolgono da soli (ora non mi ricordo come si chiamano e di che materiale sono) e anche questa possibilità in questa città non c'è.
lei ha qualche consiglio da darmi?
saluti
grazie x tutto!

[#10]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Quando uno si deve sottoporre ad un intervento chirurgico, non è tanto importante la Struttura presso cui farlo ma il Chirurgo. Ovviamente, la tecnica ed i materiali da utilizzare sono a discrezione del Medico in base al caso specifico che si trova di fronte ed alla sua esperienza professionale. Il consiglio, quindi, che ti posso dare è di trovare un Chirurgo con una buona esperienza sulla chirurgia nasale ed affidarti a lui in tutto.
Dr. Raffaello Brunori

[#11] dopo  
Utente
ok grazie

il problema è che non so come funziona
visto che in ogni caso, se farò uno o tutti e due gli interventi, li farò in un altro ospedale, chi mi indirizza poi da un otorino che faccia quegli interventi (soprattutto che usi il coblator, che poi è difficile che mi operi pure al setto)?
vediamo come va anche perchè non c'è tutta questa disponibilità di tempo e denaro per fare sotto e sopra per visite e interventi vari.

vedremo come andrà

saluti

[#12]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ripeto: entrambi gli interventi chirurgici vengono dispensati dal SSN e si possono effettuare contemporaneamente. Certamente, ci sono dei tempi di attesa in ciascun Ospedale , ma non vedo motivi d'urgenza.
Per un consiglio, puoi sempre rivolgerti al tuo medico di Famiglia.
Dr. Raffaello Brunori

[#13] dopo  
Utente
cmq "che è difficile che mi operi pure al setto" intendevo io, certo poi cmq si deve vedere.
ora sto cercando un otorino perchè per la visita in ospedale devo aspettare troppo e l'urgenza c'è in quanto già respirare male comporta dei problemi di per se e poi se non risolvo questa cosa difficilmente si risolverà anche il problema alle labbra.
saluti
grazie dell'attenzione

[#14] dopo  
Utente
allora il tampone nasale ha deto esito negativo si è riscontrata solo la presenza di poche colonie di stafilococco coagulasi negativo.
ho fatto però nel frattempo anche delle radiografie del cranio.

l'esame del cranio eseguito nelle proiezioni standard ha documentato: ipoplasia dei seni frontali, tenue velamento dei seni mascellari come per processo sinusopatico.
sella turcica di ampiezza nei limiti, contorni regolari, indice sellare normale.
ispessimento dei turbinati della coana sinistra.

che significa tutto ciò?
giovedì sera ho la visita, nel frattempo potrebbe darmi qualche spiegazione a riguardo?
l'ultima riga significa che a destra non c'è ipertrofia dei turbinati o per ispessimento si intende altro?
saluti
grazie

[#15]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dalla RX del cranio, risulta un processo infiammatorio a carico dei seni mascellari ed una ipertrofia dei turbinati di sinstra. Ovviamente, per una vera diagnosi, occorre che le immagini vengano lette dallo Specialista. Ma chi ha richiesto detto esame?
Dr. Raffaello Brunori

[#16] dopo  
Utente
praticamente l'esame me lo ha prescritto il medico curante di mia madre.
quando lei è andata a chiedere a chi ci si poteva rivolgere, le ha spiegato tutta la storia e il medico ha detto che oltre a prenotare la visita era utile fare anche queste radiografie perchè tanto me le avrebbe richieste lo specialiste... così da andarci già preparato.
saluti

[#17]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ora comprendo: infatti, uno Specialista avrebbe richiesto una tac senza mezzo di contrasto. L'RX è, ormai, un esame obsoleto per questo tipo di patologia. Comunque, abbiamo sempre una indicazione. Penso che il tutto si possa risolvere con una terapia farmacologica e, per questo, è necessario consultare lo Specialista. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#18] dopo  
Utente
ah bene così glielo chiedo se può servire farla.
cmq la visita è giovedì... vediamo che mi dice lo specialista.

nel frattempo la ringrazio per tutta la cortesia e l'attenzione.
saluti

[#19]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi farà piacere ricevere notizie dopo la visita
Dr. Raffaello Brunori

[#20] dopo  
Utente
allora ieri c'è stata la visita.
il medico ha deciso per l'operazione di decongestione dei turbinati e visto che ci siamo faccio anche il raddrizzamento del setto.
consideri cmq che oltre alla terapia con nasonex avevo provato anche aircort che mi permetteva di respirare mentre lo usavo, usandolo però 4 volte al giorno, ma appena ho finito la cura la situazione è rimasta la stessa e che lei non ha l'opportunità di vederli ma i mei turbinati sono veramente giganti.
il medico cmq, nonostante dispone del coblator, ha detto di voler usare il metodo chirurgico perchè secondo lui dà risultati migliori e che con il coblator ci sono degli inconvenienti dopo l'operazione perchè (non mi ricordo bene) si formano delle crosticine, o dei pezzettini di non so che, dentro al naso che richiedono interventi di pulizia e, inoltre, c'è la possibilità che dopo poco i turbinati si rigonfino.
mi ha dato alcuni esami da fare e anche le prove allergiche perchè da piccolo sono stato allergico ma non si è capito a cosa: avevo le ige positive ma da i vari test non si è riuscito a capire...
poi facendo sport l'allergia se ne è andata così come gli attacchi di bronchite che mi provocava.
di recente cmq ho fatto le ige e sono nella norma e anche il patch test, con risultati negativi, quindi per sicureza mi ha prescritto le prove allergiche per inalanti e qui c'è un problema.
il problema è che mi opero a settembre e questo esame posso farlo solo a ottobre; bisogna per forza farlo prima o si può fare anche dopo l'operazione?
il medico ha anche detto che se l'intervento al setto viene fatto bene, il setto in seguito non si "scolla", io gli avevo chiesto ciò perchè avevo letto che c'è questa possibilità e che è una cosa, diciamo, naturale; lui invece si è perfino risentito perchè glielo chiesto e ha detto che se lo fa lui non si scolla(=ritorna nella stessa posizione di prima)... quindi non è una cosa naturale? succede solo se l'intervento non viene fatto bene?
infine mi ha dato cmq una terapia per farmi respirare e darmi la possibilità di risolvere il problema alle labbra.
mi chiedevo, però: visto che la terapia finirà al massimo 2-3 settimane dall'intervento, se poi i turbinati si sgonfiano? non è che c'è il rischio, diciamo, di "operarmi a vuoto"?
la terapia consiste di cortinal x aerosol x 10-15 gg, dopo lo spray eltair x 20 gg e poi il lavaggio del naso con sterimar spray ogni giorno.
ah poi ha anche detto che secondo lui il problema, probabilemte, deriva dal fatto che ho curato male i raffredori avuti nel corso della vita e che, dopo aver fatto l'intervento, a certe persone i turbinati si rigonfiano perchè non curano bene i raffredori ma che se uno li cura bene i turbinati non si rigonfiano... ma quindi come si cura un raffredore? anche perchè non è facile distinguere un raffreddore da un semplice raffredamento, anche un raffreddamento può portare al rigonfiamento dei turbinati?
saluti