Utente
Buongiorno, mia madre di 64 anni da alcuni giorni percepisce nell'orecchio sinistro un battito veloce simile ad un martello, non in sintonia con il battito cardiaco. Non gli procura dolore ma un fastidio persistente. Si è verificata anche una momentanea perdita d'udito. Il medico ha verificato ed ha escluso un tappo di cerume ipotizzando un problema legato al nervo acustico. Ha consigliato una vista presso l'otorinolaringoiatra che è stata prenotata tra una decina di giorni. Le chiedo gentilmente quale potrebbe essere la causa e se necessita di un controllo più urgente. Cortesemente c'è una soluzione momentanea per alleviare il fastidio?La ringrazio per la cortese attenzione

[#1]  
Dr. Paolo Carnevali

36% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Credo che convenga attendere i 10 giorni senza rimedi affrettati e momentanei.Un problema medico richiede prima una giusta diagnosi e sempre prima della terapia.Cordialmente
Paolo Carnevali

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno, La ringrazio per il consulto inviato. Mia madre ha eseguito la visita medica presso l'otorinolaringoiatra il quale non ha individuato la causa specifica del battito nell'orecchio. Ha prescritto comunque delle compresse da assumere per venti giorni a base di glicerofosfolipidi, un estratto di ginkgo biloba con proprietà vasoregolatorie, come riportato nel foglio illustrativo. Il periodo di trattamento ora è concluso ma il battito nell'orecchio è persistente, nonostante sia cessato per alcuni giorni. La prossima visita per valutare gli effetti della terapia è tra un mese non essendo disponibile un consulto prima. Le chiedo cortesemente se ritiene sia opportuno accelerare i tempi di verifica del disturbo e se sono consigliabili degli esami specifici che non le sono stati ad oggi indicati.
La ringrazio per la cortese attenzione e Le invio cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Paolo Carnevali

36% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2006
Ribadisco la mia opinione sulla necessita' di una diagnosi precisa senza ricorrere a cure che lasciano il tempo che trovano.Cordialmente
Paolo Carnevali