Utente
Buongiorno, vorrei un'informazione: ho un bambino di 5 anni e da quando aveva 9 mesi soffre di otite con fuoriuscita di pus. Per la prima otite era stato curato da un buon ottorino che gli aveva fatto un tampone auricolare prima di somministrargli l'antibiotico e per 3 anni non ha avuto più problemi di otite. Dopo di che ha iniziato l'asilo e le otiti avvengono in media 6/7 volte l'anno (periodo invernale) la pediatra somministra sempre l'augmentin per lunghi periodi e a fine terapia non sempre il problema si risolve. Visita dal primo ottorino mi prescrive aerosolterapia per 3 mesi 10gg al mese con fisiologica e clenil. Secondo ottorino: consiglia di togliere le adenoidi. Visita in ospedale con pediatra: consiglia sempre tampone con le otiti e mi sconsiglia l'operazioni alle adenoidi. La mia pediatra dice che il tampone non serve e che l'Augmenti va bene. Altro pediatra mi dice che dare sempre l'Augmentin è nocivo per il bambino e inefficiente nel tempo e mi ha consigliato di acquistare il rinowash per aiutarlo nella prevenzione e fargli fare tanto mare (di mare quest'anno ne abbiamo fatto parecchio con il risultato che da settembre ad ora ha fatto solo un raffreddore con un'otite). Vorrei sapere:
1) E' consigliabile il tampone auricolare con antibiogramma, bisogna farlo sempre?
2) Dare sempre l'augmentin per le otiti medie è la scelta migliore?
3) L'operazione alle adenoidi come prevenzione e non come necessità è consigliabile?
4) Il rinowash è davvero utile?
5) Ai primi sintomi di raffreddore ho evitato di mandarlo all'asilo anche per intere settimane. E' consigliabile evitare il contatto con altri bambini?

Grazie per la disponibilità.
Saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certamente, prima di iniziare una terapia antibiotica, è bene fare un tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni; l'antibiotico menzionato è ad ampio spettro e, generalmente, è valido per l'eradicazione dei batteri: non è detto, pero', che sia quello giusto per l'infezione in corso. Prima di pensare ad un intervento di adenoidectomia, occorre una valutazione audiometrica ed impedenzometrica, oltre una indagine radiologica, ovvero una Rx del cranio in proiezione laterale. Il lavaggio delle fosse nasali con l'apparecchio citato è di aiuto. Da brava Mamma, se possibile, far rimanere a casa il bimbo il piu' possibile giova ad evitare le recidive della patologia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, quando una patologia si presenta come "ricorrente", come nel caso dell'Otite Media Acuta Ricorrente (OMAR), spesso c’è qualcosa nel terreno, cioè nel distretto anatomico in cui la patologia “ricorre” ad attirare l’agente eziologico, che invece è innocuo per gli altri componenti della famiglia e addirittura, se monolaterale; spesso anche per l’altro l’orecchio.
In questi casi è spesso in gioco una disfunzione tubarica, cioè un cattivo funzionamento di quel tubicino (tuba o Tromba di Eustachio) che porta aria all’orecchio medio e ne drena le secrezioni. La tuba passa a pochi millimetri dall'articolazione temporo mandibolare (ATM), e per attivarla quando andiamo in montagna o in aereo, muoviamo la bocca o deglutiamo. Chi ha problemi di occlusione dentaria può (sottolineo PUO') a volte presentare un conflitto tra il condilo mandibolare e la tuba che interferisce con il suo corretto funzionamento, e sostiene, a cascata, le problematiche che dalla disfunzione tubarica dipendono, e che vanno da un po’ di cerume in più (sintomo spesso incompreso) all’OMAR.
Forse, a lato del trattamento farmacologico dell'episodio acuto, che dà un beneficio immediato ma non evita le ricadute, nei casi di OMAR sarebbe il caso di valutare la presenza di problematiche strutturali e occlusali-ortodontiche.
Per questo, oltre ad approfondire le problematiche di specifica pertinenza otorinolaringoiatrica, le suggerisco di consultare anche un dentista –gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Dia anche un'occhiata, su questo stesso sito, agli articoli qui sotto linkati. Cordiali saluti ed auguri.

• Otite ricorrente: colpa dei denti?
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-dei-denti.html

Problemi di “naso chiuso”: a volte la causa sta in bocca
https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-di-urgenza-e-pronto-soccorso/98-il-triage-i-colori-del-pronto-soccorso.html

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com