Utente
Salve e ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità. Vi spiego un po' la mia storia. Da 7-8 anni a questa parte ho sempre sofferto un po' di vertigini saltuarie a cui non ho mai dato molta importanza. A dicembre mi si è scatenata una forte vertigine oggettiva, era sera tardi, andai a dormire e diciamo che passarono. Il mese successivo un nuovo attacco durato qualche ora. Da quello momento ho sempre avuto poi una sensazione di vertigine soggettiva (sbandamenti, disequilibrio, in qualsiasi posizione, sdraiata, in piedi, seduta) e mi sono accorta delle presenza di acufeni e ipoacusia in tutte e 2 le orecchie (anche se il sinistro ne risente di piú) e tutto questo insieme di sintomi mi accompagnano giorno e notte anche perché è un pensiero costante nella mia testa. Sono stata dal fisiatra che mi ha ordinato varie lastre alla cervicale e colonna vertebrale, risultò una scoliosi che ho da anni ed il collo e la spalla "pendono" a destra, quindi massaggi dal fisioterapista che per me stanno solo peggiorando le mie vertigini. Sono stata dal dentista per un' eventuale malocclusione ma è tutto a posto, anche se tengo sempre i denti serrati (forse per lo stress e l'ansia che mi provoca questo senso di istabilitá). Sono stata dall'otorino che mi ha fatto un po' di test, toccarsi il ginocchio ed il naso ad occhi chiusi, camminare ad occhi chiusi, test audiometrico (udito perfetto) mi ha fatto una manovra per vedere se c'era nistagmo e comparsa di vertigini oggettive (che non ha riscontrato) ha trovato solo una leggera deviazione al setto nasale e turbinati un po' ipertrofici visto la mia allergia stagionale, quindi l'otorino mi ha prescritto varie visite. Ho fatto un ecocolordoppler ai tronchi sovraortici ed è risultato tutto ok, esami del sangue tutto OK e martedì ho la risonanza all' encefalo con e senza liquido di contrasto. Nel frattempo vertiserc che dopo una settimana non mi ha ancora dato benefici. Aggiungo che ho provato beneficio anche se per poche ore, dopo la manovra dell'otorino per cercare nistagmo e vertigini oggettive (che non sono comparsi) forse era un fattore psicologico, ma mi sono sentita rinascere per qualche oretta. Da gennaio comunque non ho più avuto vertigini oggettive, ma persiste giorno e notte questo senso di sbandamento e una sorta di oscillopsia nel fissare gli oggetti. Basandomi sulla sintomatologia e le informazioni trovate in rete ho pensato alla sindrome di meniere.

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il suo disturbo permane nonostante le indagini e le cure del caso le suggerirei di non trascurare una possibile causa di vertigine spesso trascurata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) . Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici, o non se ne trova la soluzione , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine, di questi sintomi è forse il più tipico.
Pertanto le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare: non tutti i dentisti coltivano questa sottospecialità.
Sottolineo che difficilmente "è tutto a posto" se un paziete tiene "sempre i denti serrati".
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-la-vertigine-di-pertinenza-odontoiatrica.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-e-disfunzioni-dell-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta. Sono stata dal dentista che è specializzato in odontostatologia e chirurgo maxillo facciale, appunto per valutare l'ipotesi di contattare uno gnatologo, ma lui non ha riscontrato stranezze significative al punto tale da indirizzarmi da uno gnatologo e mi ha detto che se questi problemi di bruxismo sarebbero continuati (dato che non è da molto che ho questa condizione di serrare i denti) avremmo potuto pensare ad intervenire con byte e che secondo lui questo costante disequilibrio non era da imputare a atm o malocclusione. Comunque i risultati della risonanza con e senza mdc hanno avuto esito negativo, tutto a posto. Al momento per tutti gli esami eseguiti non hanno riscontrato nulla che possa portare alla mia sontomatologia di disequilibrio ed acufeni. Martedi ho la seconda visita dall'otorino, poi proverò anche a consultare un neurologo. A quel punto poi se anche il neurologo non troverà nulla di strano dovrò iniziare a pensare ad un problema psicologico, visto che da quando ho questo problema sono scaturiti diversi stati d'animo non proprio dei migliori come credo normale che sia. Problema o conseguenza? Vedremo... Ho finito anche le sedute di massaggi dal fisioterapista che non hanno cambiato la condizione, anzi a volte quando andava a massaggiare certi punti del collo avvertivo proprio un senso di sbandamento (come se stessi per cadere dal lettino), ma nonostante glielo facessi notare non mi ha mai dato risposte. Alla fine son 3-4 mesi che mi sento come se vivessi in barca il tutto condito con acufeni ovattamenti e fischi alle orecchie.

[#3]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, ho sempre pieno rispetto per le opinioni dei Colleghi. Il mio consiglio era di consultare anche uno gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare: non tutti i dentisti coltivano questa sottospecialità, come anche i chirurghi maxillo facciali.
Glielo confermo.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente
Sicuramente, ma credo (e spero) che se non avesse avuto le capacità di valutare la situazione, mi avrebbe mandato direttamente da uno gnatologo. Comunque visto che questo problema di bruxismo continua appena ho un attimo di respire, sentirò un parere anche di uno gnatologo. Grazie ancora.