Utente
Gentili dottori, sono un ragazzo di 22 anni e non ho mai avuto particolari problemi di salute, premetto che sono un fumatore e che ultimamente sto soffrendo di disturbi ansiosi a causa di un periodo difficile.

Il mio problema è iniziato un mese e mezzo fa mentre stavo cenando, quando all'improvviso un pezzo di cibo mi è finito di traverso, da quel giorno ho difficoltà a deglutire cibi solidi, non sono più in grado di deglutire normalmente lasciando che sia un riflesso involontario, forzo la deglutizione e in seguito ai pasti avverto una sensazione di ostruzione in gola.

Non riesco più ad alimentarmi in tranquillità in quanto temo ogni volta di soffocare e per questo problema ho già perso 3kg, inoltre ho catarro bloccato in entrambe le narici e in gola che riesco difficilmente ad espellere e una costante sensazione di leggero bruciore in gola.

Può trattarsi di disfagia? O si tratta solamente di una somatizzazione dell'ansia?

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cio' che riferisci, certo, potrebbe essere causato da uno stato ansioso, ma ritengo ce alla base ci sia un'altra patologia come una infiammazione esofagea, per esempio. Sarebbe utile, nel tuo caso, una visita specialistica otorinolaringoiatrica con rinolaringoscopaia fibre ottiche. Cerca di tranquillizzarti in quanto non si tratta di qualcosa di grave; cerca di alimentarti con cibi sostanziosi, tiepidi, facendo dei piccoli bocconi e masticando lentamente.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio moltissimo dr. Brunori, provvederò a prenotare al più presto l'esame che mi ha consigliato, la ringrazio ancora per la sua disponibilità e per la tranquillità che mi ha trasmesso con la sua risposta.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Fa parte del nostro lavoro. Fammi sapere l'esito della visita.
Un caro saluto
Dr. Raffaello Brunori