Utente
Gentili Dottori,
vi scrivo per chiedere un vostro parere.
Nell'ultimo periodo mi capita qualche volta di avvertire, non in maniera costante e non sempre, un ronzio (frequenze basse) nelle orecchie, ma lo sento come se mi venisse da dietro al collo e in profondità(soffro spesso di cervicale e molte volte ho il collo rigido) , non so spiegarmi bene ma spero di essermi fatto capire. Ma non essendo fastidioso e costante non mi sono allarmato. Solo che oggi mi è capitato che mentre stavo lavorando(io sono un musicista professionista) su alcune frequenze, per intenderci nel registro che si aggira introno ai 440hz di avvertire un rimbombo(sempre sordo come suono) di quella frequenza, come se vibrasse una corda su quella nota. Ma la cosa strana è che lo fa solo in quel registro e suonando un intervallo di 2 note insieme. Niente di così invalidante e fastidioso ma essendo un soggetto ipondriaco mi preoccupo subito.
Parlandone con il medico di base mi ha detto che probabile che abbia cerume nelle orecchie, ma io cmq contatterò lo specialista ORL per avere un parere ed un eventuale visita.
Nel frattempo contatti
(a giorni) l'ORL volevo anche un vostro parere perché PURTROPPO io penso sempre le peggiori cose e malattie e vado in un ansia incontrollabile che mi fa perdere concentrazione anche nel lavoro, e conoscendomi già so che nel frattempo non parlo ed incontro l'ORL pero anche il sonno della notte.
Quindi per questo chiedo, se pur cosciente dei limiti di un parere tramite internet, un vostro punto di vista e "SPERANDO" rasserenante.
Grazie per la cortese attenzione.

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente
non ci puo' chiedere di essere psicologi pero', il nostro potra' essere una elencazione di cause che possono essere in rapporto alla presenza di acufeni.
Le cause possono essere varie, sia in rapporto a cause "locali" dell'orecchio sia in rapporto ad altri organi o apparati in rapporto con l'orecchio stesso. Esse vanno identificate per instaurare un trattamento adeguato. "Il rimbombo" in quella particolare frequenza e' presumibilmente in rapporto alla frequenza stessa dell'acufene. Quindi l'unico e adeguato consiglio che le posso dare e' di iniziare quanto prima un percorso diagnostico a partire da un collega di branca che le consigliera' via via come muoversi. Quanto prima perche' inizierebbe a combattere l'ansia , che resta di pertinenza di altra branca.
Saluti
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr.Moccia,

Innanzitutto grazie per la risposta e l'attenzione.
Infatti io non vi chiedo di essere psicologi, ci mancherebbe.
Sono cosciente di vivere in questa fase della mia vita un periodo un po' delicato che mi porta ad avere ansia ed apprensione (è una fase che passerà) e sempre mi prometto di non scrivere su questo sito, che altro non fa che aumentare la stessa ansia, e però purtroppo (ahimè) sempre ci cado.

Comunque la volevo informare che ho contattato l'ORL di fiducia e mi ha confermato quello dettomi dal medico di base, cioè mi ha detto che è un tappo di cerume e tra qualche giorno vado a visita comunque per controllo ed eventualmente toglierlo, questo è tutto.

Il servizio che prestate su questo sito vi fa onore e vi ringrazio ma mi rendo conto del limite stesso di questo portale in cui si sovrappone l'attenzione (giustissima) di voi medici a non sbilanciarsi con la condizione di non avere il paziente d'avanti agli occhi (ed è giusto e coscienzioso il vostro atteggiamento) e la funzione stessa del portale in cui sicuramente scrivono persone che hanno, o pensano, di avere problemi e quindi per chiedere pareri medici e non certo per parlare di altro.
E quindi per esperienza personale ho riscontrato sempre una differenza enorme tra quello che si dice qui e quello che veramente accade nella realtà.
Per esempio la sua risposta su di me avrebbe creato uno stato d'ansia esagerato se non avessi contratto il mio ORL personalmente il quale mi ha tranquillizzato.
Quindi fino ad una certo punto è utile (almeno non per tutte le persone) avere consulenze online.

Chiedo scusa se mi sono dilungato e per l'opinione prolissa espressa, era solo un punto di vista.
Dr.Moccia la ringrazio ancora per la cortese attenzione che ha avuto nei miei confronti e ripeto, nonostante tutto, il servizio che voi medici prestate gratuitamente su questo portale vi fa comunque onore.

Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
"Chiedo scusa se mi sono dilungato e per l'opinione prolissa espressa, era solo un punto di vista.
Dr.Moccia la ringrazio ancora per la cortese attenzione che ha avuto nei miei confronti e ripeto, nonostante tutto, il servizio che voi medici prestate gratuitamente su questo portale vi fa comunque onore."

La ringrazio molto anche io , e credo a nome dei tanti colleghi che pur con i tanti limiti imposti dal web cercano di essere utili ad una Utenza sempre piu' con voglia di acculturarsi e di essere più' consapevole , anche della propria mancanza di benessere psicofisico.

Cordiali saluti.
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria