Utente
Salve a tutti, sono un ragazzo di 25 anni che da 10 giorni è entrato in una spirale di ansia. Premetto che sono molto ansioso e ipocondriaco. Vi racconto quello che mi è successo. A causa di una cena di lavoro, dove ho sudato ed il sudore si è asciugato addosso, mi sono raffreddato e mi si è infiammata la gola. Non avevo febbre ma sensazione di dolore alle ossa e brividi di freddo ma avevo sempre 36.8. Mi sono curato con oki, e il dolore alle ossa e i brividi sono passati, ma ho notato una sensazione di tappo nell'orecchio sx ma mai dolore, e una sensazione di pallina verso la parte sx della gola. Per alcuni giorni non ci ho dato peso, e sono uscito. Sono andato a lavoro e sono andato anche a tagliarmi i capelli. Sono anche andato ad una Comunione. Ho fatto docce ecc ecc Poi però sono andato dal medico che ha detto che avevo la gola infiammata e ha detto (vedendomi con l'otoscopio) che avevo una otite esterna all'orecchio sx mentre quello dx era perfetto. Mi ha prescritto Amoxicillina-acido clavulanico per 6 gg due volte al giorno e otogox gocce. Dopo ho iniziato ad avere acufene nell'orecchio sx mentre la gola è guarita (anche se ho sensazione di lieve catarro in gola) e anche la sensazione di pallina a sx della gola era sparita. Sono tornato dopo una settimana (nella quale ho avuto scariche di diarrea, e balanite da farmaco poi passata dopo pochi giorni a causa dell'antibiotico) e il medico ha detto che l'orecchio era meno infiammato, ma che ancora non era guarito e allora mi ha prescritto l'antibiotico Roxitromicina 6 gg una volta al giorno e sempre otogox gocce con fermenti lattici per la protezione della flora batterica. Sono al 4 giorno di cura, non ho dolore, ogni tanto mi pizzica l'orecchio, e non ho mai perso udito a sinistra, ma la mia ansia è che l'acufene a sx non vada più via. Inoltre non avevo mai fatto una cura antibiotica per più di una settimana. E se vado in atto a contrindicazioni? Se muovo la mascella per sbadigliare sento come se mi schioccasse, ma non sempre. Non avevo mai avuto problema alle orecchie (mia madre mi ha detto solo una volta quanto ero neonato, ma poi mai più) e sono spaventato. Molto. Sono in panico. E se l'acufene non se ne va? Come farò a vivere nella quotidianità? È una patologia grave? Vorrei crearmi una famiglia con la mia ragazza in futuro, e ho paura che questo problema possa minare i miei sogni. È vero che non va più via ma che il cervello dopo si abitua? Mi sono chiuso in casa e mi sono preso le ferie per il lavoro per paura di uscire ancora peggiora. Forse sto diventando depresso per questo problema. Non dormo bene (anche se verso le 3 o 4 di mattina il fischio lo sento meno) la mia famiglia dice di non abbattermi e pensare positivo. Inoltre posso prendere anche delle vitamine con l'antibiotico? Sono debilitato. Per quanto concerne l'igiene, posso farmi la doccia se metto l'ovatta nell'orecchio? Grazie in anticipo e scusate la lunghezza del messaggio.

[#1]  
Dr. Simone Spagliardi

24% attività
8% attualità
4% socialità
VERBANIA (VB)
CUNARDO (VA)
CORNAREDO (MI)
NIBBIOLA (NO)
SAN NAZZARO SESIA (NO)
SAINT-CHRISTOPHE (AO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Buonasera,
L’acufene può avere tantissime cause scatenanti, e tra queste anche patologie infiammatorie-infettive dell’orecchio che, una volta risolte con una cura adeguata, portano alla risoluzione dell’acufene stesso. Visto il perdurare dei suoi sintomi consiglierei una visita specialistica. Il medico Curante le ha giustamente prescritto una cura antibiotica ad ampio spettro, ma spesso anche per noi specialisti non è semplice distinguere tra i vari quadri patologici dell’orecchio, che diventano più chiari eventualmente solo dopo alcuni trattamenti particolari, come ad esempio l’aspirazione ambulatoriale delle secrezioni presenti nel canale uditivo, procedure che il Suo Medico non è per forza di cose in grado di fare.
Cordialmente,
Dr. Simone Spagliardi

[#2] dopo  
Utente
Dottore la ringrazio della celere risposta. Farò una visita specialistica.

E che l'ansia mi sta massacrando.

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno, chiedo scusa per l'insistenza. Con l'otite posso fare la doccia se metto l'ovatta all'orecchio? E posso tornare a lavoro? Accorgimenti per addormentarmi la sera con l'acufene? Grazie

Mia madre mettendomi le gocce ha trovato del cerume nell'orecchio. É un buon segnale?

[#4]  
Dr. Simone Spagliardi

24% attività
8% attualità
4% socialità
VERBANIA (VB)
CUNARDO (VA)
CORNAREDO (MI)
NIBBIOLA (NO)
SAN NAZZARO SESIA (NO)
SAINT-CHRISTOPHE (AO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Buongiorno,
Può tranquillamente in ogni caso fare la doccia mettendo a protezione un po’ di cotone (di dimensioni tali da non rischiare che questo resti nel canale uditivo) magari imbevuto di olio, così è sicuro di non bagnare l’orecchio. Piuttosto che pensare ad accorgimenti particolari per l’acufene le consiglierei di fare la visita, che potrebbe risolvere il problema rapidamente.
Cordialmente,
Dr. Simone Spagliardi

[#5] dopo  
Utente
Grazie mille per la celere risposta dottore.
Posso farle sapere nei prossimi giorni così da avere un consulto?

[#6]  
Dr. Simone Spagliardi

24% attività
8% attualità
4% socialità
VERBANIA (VB)
CUNARDO (VA)
CORNAREDO (MI)
NIBBIOLA (NO)
SAN NAZZARO SESIA (NO)
SAINT-CHRISTOPHE (AO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Certamente, buona giornata.
Dr. Simone Spagliardi

[#7] dopo  
Utente
Egregio dottor Spagliardi,
Sono uscito poco fa dalla visita dal mio medico curante. L'orecchio non è più infiammato e ha detto che per lui non ci sono problemi. Ha detto solo di finire la cura antibiotica con gocce (finisco oggi).
Io però comunque farò la visita dall'otorinolaringoiatra ma è fra due settimane. Per gli acufeni nel frattempo mi ha prescritto le gocce CYNAZIN OS GGT 3 volte al giorno (2 gocce).

Posso prenderne nel frattempo che aspetto la visita? Crea qualche controindicazione? Grazie.

[#8]  
Dr. Simone Spagliardi

24% attività
8% attualità
4% socialità
VERBANIA (VB)
CUNARDO (VA)
CORNAREDO (MI)
NIBBIOLA (NO)
SAN NAZZARO SESIA (NO)
SAINT-CHRISTOPHE (AO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Buongiorno,
Il prodotto che le è stato consigliato può in alcuni casi avere senso per il trattamento di un acufene, ma prima di avviare la terapia le consiglierei di attendere il consulto con lo specialista. Non è un farmaco banale.
Cordialmente,
Dr. Simone Spagliardi

[#9] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore.