Utente
Buonasera a tutti, sono un ragazzo di 23 anni. Diversi anni fa, quando ne avevo circa 16,ho iniziato a notare dei pezzetti giallognoli sulle tonsille, con la paura che fossero placche, che quando recuperati maleodoravano intensamente e mi fu detto si trattasse di tonsille criptiche e che quelli fossero pezzetti di cibo che rimanevano incastrati, e che non potevo farci niente se non dei gargarismi dopo mangiato. Col passare del tempo, mi sono reso conto che questa cosa succedeva solo in alcuni periodi, con gargarismi dopo mangiato o senza e iniziava ad associarsi con gonfiori sul collo e delle tonsille. Inoltre, i mal di gola da lì in poi mi sono sempre venuti con una facilità estrema, basta un minimo venticello o un banale momento in cui parlo più del solito per farmi bruciare la gola con relativi gonfiori, tanto che mi viene sempre da massaggiare gli ingrossamenti sul collo. Per non parlare di quando d'estate vado al mare. Durante questi episodi, che spesso accadono dopo mangiato, mi sento sempre febbricitante e spossato. Non so se le cose possano essere correlate, ma da un paio di anni ho gonfiori e dolori articolari su mignolo e anulare della mano dx durante l'inverno, che con freddo intenso diventano abbastanza seri. Inoltre, negli ultimi 6 mesi ho sviluppato un rossore associato a prurito sul glande, a momenti più intenso a momenti meno intenso, risultato negativo al tampone balano-prepuziale. Ho eseguito il test per la monoclueosi qualche anno fa e sono risultato immunizzato perché presa da piccolo. Un'altra informazione é un episodio di quasi ascesso tonsillare prima dei 16 anni (non so che batterio fosse) trattato ovviamente con antibiotici. Negli ultimi tempi il problema dei pezzetti di cibo é quasi scomparso mentre mi sembra acuizzato il problema delle faringiti (a volte tonsillite) con gli stati febbricitanti. Ho sentito di casi in cui sono state scoperte infezioni da stafilococco o streptococco dopo anni dalla contrazione. Questa cosa va avanti da troppo ormai e sinceramente sono stufo di andare a fare ore di fila dal medico, per poi andare da specialisti col rischio di tornare a casa con niente fra le mani. Cosa mi consigliate voi? Cosa devo chiedere al mio medico? Grazie

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi meraviglia il fatto che gli Specialisti cui ti sei rivolto non abbiano fatto una diagnosi e non ti abbiano prescritto delle terapie per evitare queste recidive. Comunque sia, occorre innanzitutto che ti sottoponga: ad un prelievo di sangue per emocromo con formula, ves, tas, pcr, mucoproteine, azotemia, glicemia; es. urine; tampone tonsillare per la ricerca di germi patogeni. Una volta in possesso delle risposte, dovresti tornare da uno Specialista per un esame clinico comparativo e decidere sul tipo di terapia da approntare. In pratica, dobbiamo ricominciare da zero.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta! Il problema é che loro secondo me associavano l'arrossamento e ingrossamento delle tonsille al problema dei residui di cibo, senza pensare a qualche forma di infezione. Comunque le analisi del sangue con la formula indicata le avevo fatte non molto tempo fa e non era uscito niente (il problema ripeto va avanti da anni, quindi sarebbe uscito se correlato a quei valori). Anche le urine e la spermiocoltura sono di pochi mesi fa, per la ricerca di germi comuni e Thrycomonas legati alla candidosi, e anche quelle sono pulite. Non vorrei che devo fare le analisi nel giorno in cui ho le tonsille ingrossate e dolenti perché é una cosa davvero altalenante, non prevedibile sul calendario.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
A questo punto, devi solo cercare uno Specialista che riveda il tuo caso e decida in merito. Non sei un caso senza soluzione!
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Lo spero davvero perché fino ad ora ho tirato per le lunghe sia perché sono tacciato di ipocondriaco sia perché tutto sommato ci si può convivere, ma é una cosa arrivata ai limiti della sopportabilità! Domattina sto andando a farmi un tampone tonsillite, perché sto avvertendo negli ultimi giorni una sensazione di maleodore dalle tonsille, con la "speranza che esca qualcosa". Cercherò di farvi sapere non appena e se saprò qualcosa!

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Perfetto, vediamo la risposta del tampone
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Referto negativo.. Cosa mi consigliate?

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
A questo punto, non so che dirti. Due sono le strade. o lasci perdere o devi ricominciare consultando un altro Specialista. io opterei per la prima ipotesi.
Dr. Raffaello Brunori