Utente
Dottore 4 anni fa avevo avuto una turbinoplastica leggera che mi aveva ridato tutta la salute, per disonestà tralasciando i particolari dopo 5 giorni mi veniva ripetuta in un altra struttura ospedaliera una turbinoplastica con un laser invasivo e radicale sempre nel turbinato inferiore destro e medio. Esiste la possibilità che il corpo cavernoso si riformi negli anni e che passino i disturbi che sono simili a quelli di riavere il turbinato ipertrofico?
Acufene
Insonnia
Naso tappato da supino
Narice troppo aperta da alzato
Dolori sul lato destro del corpo nella schiena

[#1]  
Dr. Vincenzo Cancemi

20% attività
16% attualità
0% socialità
CALTAGIRONE (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
La sua sintomatologia non è coerente con il trattamento eseguito o lo è solo in minima parte.
Inoltre non si capisce perché il trattamento è stato ripetuto, quale era la diagnosi iniziale, quale tecnica laser è stata usata e perché anche sul turbinato medio.
Rifaccia la visita dallo specialista che lo ha trattato.
Probabilmente potrà risolvere.
Dott.. Vincenzo Cancemi

[#2] dopo  
Utente
Grazie dell'intervento dottore. L'ultimo intervento è stato eseguito il 6 giugno 2015 presso un ospedale ad indirizzo oncologico dove ahimè non faccio il nome ma il primario è un sostenitore della turbinectomia che fortunatamente non può essere fatta ambulatorialmente e ahimè convinto che il laser (suppongo yag) sia utile per non fare tornare la recidiva praticandomelo sui quattro scomparti ed al centro del turbinato inferiore ed una quinta volta sul medio. Non mi soffermo sui particolari comunque non sono riuscito a proteggermi pur spiegandomi e mi trovavo li solo per disdire in quanto cinque giorni prima avevo avuto nello stesso lato nel turbinato inferiore il risultato sperato con la tecnica laser lampeggiante nel centro del turbinato e radiofrequenza intorno presso il mio otorino di fiducia di un altro ospedale, già apprezzavo la totale scomparsa di qualsiasi disagio, mi rimaneva solo un po di prurito che ovviamente sarebbe andato scemando. Non mi sento di affrontarlo, ma se dovessi andrei accompagnato almeno da tre persone, lui mi aveva visitato ma io avevo deciso di non andare, tuttavia la segretaria mi chiamò e nemmeno lei volle disdire, io con il turbinato ancora pruriginoso avevo poca prontezza davanti a dei delinquenti. Potrei scendere nei particolari volendo ma un attimo le chiedo: su indicazione di un esperto sto usando del cotone per mitigare le problematiche dello spazio eccessivo che si è creato e così ho ripreso a riposare la notte ma anche per infiammare l'organo nella speranza che si gonfi. Sembra funzionare, lo pratico da inizio agosto, dunque le chiedo: crede che i danni di questo laser lascino comunque speranza che il tutto si rigeneri?

[#3]  
Dr. Vincenzo Cancemi

20% attività
16% attualità
0% socialità
CALTAGIRONE (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Solitamente, salvo nel caso di turbinectomie totali, in capo a qualche anno il turbinato torna a congestionarsi. Con il laser , si possono eseguire delle strisce orizzontali sulla mucosa dell' inferiore o si può penetrare all'interno e coagulare l'interno del turbinato ( tecnica migliore).
Mi chiedo comunque in tutta sincerità
1 perché ha rifatto l'intervento se il primo era andato bene?
2 perché così presto ( dopo solo 5 gg.!)
3 Se era contrario perché lo ha fatto? Di solito nessuno costringe ad un atto medico.
4 ha firmato un consenso informato presumo, quindi era ben cosciente.

Tuttavia, anche se ammettessimo un intervento molto invasivo, la sua sintomatologia mi sembra in gran parte non correlabile.
Provi a usare la rinopanteina unguento nasale. Dovrebbe avere beneficio.
Non usi artifici strani.
Dott.. Vincenzo Cancemi

[#4] dopo  
Utente
Non pretendo di essere creduto. Giusto per rispondere sul foglio che ho firmato, con l'inganno rispondevano che serviva ad annullare l'intervento o costretto a restare con cose del tipo la mano dell'assistente sulla fotocellula dell'ascensore. Non mi dilungo ma sul fatto che il laser che hanno usato è tra i più caldi che esistono, preciso che hanno bruciato tutto il corpo cavernoso dall'interno, che a distanza di oltre 4 anni adesso l'organo si è ingrossato ma comunque non sento l'aria ne la riscalda. Penso che i morti fanno più rumori dei vivi. Per mettere in un angolo qualcuno una cosa del genere è molto più efficace che uccidere.

[#5] dopo  
Utente
In ogni caso dottore la recidiva nel giro di alcuni anni probabilmente riguarda i laser leggeri, nel caso mio sono già passati più di quattro anni e solo da poco sento un leggero miglioramento, crede che riavrò la salute in questa narice? L'aria esce ancora verso il basso e la gola secca in modo grave a volte. Crede dunque che si riformi?

[#6]  
Dr. Vincenzo Cancemi

20% attività
16% attualità
0% socialità
CALTAGIRONE (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Si. Comunque, le ripeto ,non ho mai visto né sentito nessuno che per un turbinato abbia lamentato sintomatologia del genere.
Forse, lo dico in punta di piedi, lei sta polarizzando un po' troppo la sua attenzione su questo problema.
Saluti
Dott.. Vincenzo Cancemi

[#7] dopo  
Utente
Quando sono stato guarito in quei cinque giorni anche io mi son detto che chi non ci è passato non può capire, nemmeno se è un dottore, tanto che mi riferisco anche all'acufene e alle altre cose che ad oggi nessun dottore può risolvere. Non mi stranizzo e per queste ragioni non posso fare la denuncia ne ottenere giustizia. Il mio unico documento è una diagnosi di un dottore che descive la mia patalogia dovuta all'intervento. Per cui la mia unica speranza è che i turbinati si rigenerino e il seno nasale ricominci a funzionare senza che si inaridisca seccandosi e che riprenda a dormire a sonno pieno e tutte le altre cose. Se ci focalizziamo un attimo su questo Lei pensa dunque che questo sia possibile ricordando che è stato utilizzato il laser più caldo che esiste? Questo da un punto di vista medico desidero sapere. Mi creda non vorrei più pensarci per primo di tutti, dicendolo con sincerità per prima a me stesso e poi a tutti quelli che mi ascoltano. Ricambio saluti