Utente
Buonasera mi chiamo Ludovico, età 24 anni e di professione istruttore fitness ormai prossimo alla laurea in "Scienze motorie e dello sport".

Scrivo per un problema verificatosi verso fine giugno.

I sintomi iniziali sono stati cervicalgia accompagnata da rigidità muscolare ai muscoli dello sternocleidomastoideo e mi hanno coinvolto un pò le orecchie e infatti sentivo una sensazione di lieve pressione bilateralmente dietro le orecchie.

Ho eseguito che già volevo farlo un esame audiometrico ed impedenzometrico che già volevo fare e niente tutto nella norma.

Scrivo al mio medico di base e mi dice di prendere l'aulin come antidolorifico ma niente questa senzazione un pò di rigidità e pressione alle orecchie quasi ovattamento rimane.

Mi reco dall'otorino e dicendogli che inoltre non respiravo molto bene e che avevo usato la soluazione salina "libenar" sentendomi senso di liberazione dietro le orecchie mi fa fare una tc al massiccio facciale che in effetti ha rilveato: deviazione setto nasale ma non così importante, modesto ispessimento della mucosa delle cellette etmoidali, cisti da ritenzione dei seni mascellari.

Ho inoltre eseguito un test allergolocico e come già sapevo sono risultato molto allergico alle graminacee.

Abbiamo iniziato quindi con fluimucil per via orale per 15 giorni e zhecort 2 spr per narice due volte al giorno.

Successivamente a fine terapia respiravo molto bene ma sentivo ancora pienezza auricolare.

Il medico otorino mi ha dato da fare esercizi di ginnastica tubarica con otovent e più avanti insuffluazioni endotimpaniche.

MI ha convinto poco anche perchè avrei approfondito un pò di più il caso e sono andato da un altro otorino presso l'humanitas a Castellanza (Varese).
Lui mi ha detto di continuare con lo Zhecort ma di portare il dosaggio a uno spr per per narice due volte al giorno e di abbianarci Ripristin (sempre 1spr per narice due volte al giorno) che è uno spray decongestionante.
La nuova cura va avanti per 15 giorni con un pò di sollievo ma poi compaiono lievi suoni quasi sibili e fischi bilateralmente percepibili solo in silenzio.
Ritorno dall'otorino e mi dice di prendere il biorinil 1 spr per narice due volte al giorno e di abbinarlo al nevertin che è un integratore alimentare.

Faccio la cura ma niente quando sono in silenzio percepisco lievi suoni e sono di più nell'orecchio sinistro.

Allora poco fiducioso consulto un terzo otorino che facendo verifiche più accurate rispetto agli altri due e ripetendo i test audiometrici, timpanogramma ecc mi dice che secondo lui oltre al fattore stress è qualcos'altro che va a dare fastidio alle orecchie e come avevo ipotizzato anch'io mi parla disfunzione all'atm forse derivata dal bruxismo.
Al momento sono già andato dallo gnatologo e stiamo analizzando il tutto e ho già fatto una rx dell'atm che porterò domani dalla specialista e vediamo cosa dice anche se non compare nulla.

Vorrei avere un consulto in merito agli acufeni (1 mese da domani) e chiedo se verificare altro oltre a questo.

[#1]  
Dr. Giovanni Altomonte

20% attività
16% attualità
0% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2017
Buonasera ,dai sintomi ed esami e terapie che Lei ha effettuato penso che l’ipotesi diagnostica più probabile è che tutto sia dovuto ad una contrattura antalgica del rachide cervicale.
Le consiglio di effettuare una Rx del rachide cervicale e Rx ATM nei movimenti di apertura e chiusura del cavo orale.
Come terapia Le consiglio integratori a base di acido alfa lipoico e vitamine del gruppo B e sali di magnesio per rilassare i muscoli cervicali.
Effettui questi esami e mi tenga informato.
Con stima e amicizia GiovanniAltomonte
Dr. giovanni altomonte