Utente 128XXX
Buongiorno, ho una bambina di 10 anni e 4 mesi. Ha effettuato analisi del sangue Glucosio 91 (valori da 69 a 100) emoglobina glicata 5,6(< 6) mmol/mol 38.
Ho letto che pero' da 5,6 i valori sono da tenere sotto controllo.
Mi devo preoccupare?
grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

per quale motivo e' stato fatto un prelievo per l'emoglobina glicata?
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 128XXX

BUONGIORNO,
LA BAMBINA HA ESEGUITO TALE ESAME INSIEME AGLI ANTICORPI ANTITRANSUGLUTAMINASI, ANTI ENDOMISIO, ANTI GAD ED ANTI INSULA (TUTTI NEGATIVI)PERCHE HA UN FRATELLO AFFETTO DA CELIACHIA, ENTRAMBI HANNO EFFETTUATO QUALCHE ANNO FA LA RICERCA DEGLI HLA ( PRESENTI HLA DR17 DQ2 DR13 DQ6)QUINDI AVENDO LA STESSA BASE GENETICA DEL FRATELLO, ANCHE SE LA BAMBINA NON HA LA CELIACHIA DEVE ESSERE TENUTA SOTTO CONTROLLO OGNI 2 ANNI. CELIACHIA E DIABETE HANNO GLI STESSI HLA QUINDI PER QUESTO LA BAMBINA HA ESEGUITO L'ESAME DELL'EMOGLOBINA GLIACATA.
INOLTRE MIA FIGLIA HA DA POCO INIZIATO IL PERCORSO VERSO LA PUBERTA', CHE E' UN PERIODO CRITICO PER L'EVENTUALE MANIFESTARSI DEL DIABETE.
GRAZIE INFINITE

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente

il valore attuale e' normale, ma periodicamente sua figlia deve effettuare dei controlli specifici per la valutazione della presenza di diabete.
Tali controlli erano dovuti anche se il valore di Emoglobina glicosilata fosse stato inferiore in virtù delle possibilità di sviluppare la malattia per gli indicatori genetici.

Sarebbe utile adottare un regime alimentare che possa non favorire l'insorgenza del diabete.

Ciò non toglie che il rischio riguarda un aumento delle probabilità e non una malattia conclamata.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it