Utente 118XXX
egregi dottori sono una gestante alla 30' settimana di gravidanza (ho avuto tutte le malattie esantematiche tranne rosolia, quinta e sesta malattia). mio nipote di quasi 2 anni due settimane fa ha avuto la febbre a 39 e un esantema. i miei cognati hanno ipotizzato si trattasse di sesta malattia e hanno curato il piccolo solo con la tachipirina. il tutto si è risolto dopo qualche giorno e dopo una settimana è tornato al nido. premetto che non hanno chiamato il pediatra.
il piccolo è stato vaccinato nel periodo di Pasqua contro la rosolia, quindi escludiamo si sia trattato di rosolia. la mia paura deriva dal fatto che io non ho avuto nè quinta nè sesta malattia e dal fatto che mia suocera di 60 anni che vive con mio nipote mi è venuta a trovare 2 giorni fa (12 giorni dopo che il piccolo si è ammalato). potrebbe lei stessa essere stata contagiata e a sua volta aver contagiato me, essendo state a contatto? quali rischi correrebbe la mia gravidanza e la mia bimba?
chiedo il vostro parere a riguardo sperando che mi rispondiate presto
grazie
cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
le infezioni virali possono essere pericolose durante le prime fasi della gravidanza, ma sia la quinta che la sesta si manifestano con pochissimi sintomi (la sesta a volte con febbri più alte), hanno un andamento del tutto benigno e non lasicano reliquati.
Si possono manifestare anche negli adulti; per la quinta il contagio è moderato; per la sesta il perido di incubazione varia tra 7-8 giorni ma anche qualora dovesse essere stata infettata, stia tranquilla, il bambinio nel pancino è abbastanza grande ormai e non corre in linea di massima rischi. Come tutte le infezioni virali (la quinta da Parvovirus e la sesta da Herpes Virus tipo 6 o 7) una eventuale infezione va solo seguita ma senza troppe ansie. In ogni caso alla fine del contagio e delle malattie, il piccolo si ritrova con una bella scorta di anticorpi materni.

Ma non credo sarà questo il suo caso.
Auguri e cordialità

Dott.Agnesina Pozzi