Utente 861XXX
Salve,
ho un bimbo di 5 anni che nell'ultimo mese ha avuto 3 episodi di tonsillite e placche con relativa febbre alta che puntualmente sono state curate dal pediatra con compresse di bentalan.
La febbre gli è passata per 10 giorni e poi è ritornata. Sempre sotto consiglio del pediatra gli ho fatto un tampone faringeo che è risultato negativo avendo al momento anche le placche in gola. A questo punto gli ho fatto le analisi del sangue e delle urine ed è risultato il pcr molto alto.
Adesso il dottore gli vuole prescrivere una cura di antibiotici.Mi sembra che vada un po' a tentativi!!! Visto che il tampone era negativo gli antibiotici sono utili? Voi cosa mi consigliate?

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Avrei qualcosa da dire contro l'uso di cortisone.. In questi casi PRIMA di dare qualunque farmaco occorreva fare il tampone faringeo con antibiogramma ed aspettare anche perchè ci sono tonsilliti reattive e le placche non sempre sono di pus ma possono essere di fibrina a risultato della rezione infiammatoria non sempre legata a batteri come lo streptococco;

queste febbri che sono anche di adattamento se ad esempio si è andati al mare, in un clima o in una situazione diversa, non devono avere altro che una cauta osservazione senza necessariamente ricorrere a rimedi drastici come il cortisone (che tra l'altro..abbassa le difese immunitarie in corso). Occorre guardare il bambino e non il termometro.

Ci sono bambini che con febbre a 39 continuano a giocare, magari solo non mangiano, ma bevono, sudano, non hanno altri sintomi associati (titpo tosse, vomito, diarrea ecc) e allora in questi casi bisogna solo aspettare e non dare assolutamente nulla; ci sono invece febbri di 38 che creano malessere, il piccolo è abbattuto, presenta vari sintomi e allora il discorso cambia. Quindi di volta in volta bisogna valutare, certo è che riccorrere al cortisone subito e in ogni caso mi trova contraria anche perchè un calo drastico della febbre potrebbe causare altrettanti problemi.

Se eventualmente c'è indicazione anche ad esami del sangue, devono essere comprensivi non solo di PCR (che è un esame aspecifico ed indica che c'è una infiammazione in corso)ma anche stresprozyme, TAS, QSP, emocromo, Immunoglobuline.

Cordiali saluti
Dott.Agnesina Pozzi