Utente 169XXX
Gentili dottori, pongo un quesito che spesso oggi giorno, purtroppo, tormenta tanti ragazzi, vale a dire l'altezza. Anche mia figlia, è 'complessata' nonostante le continue prediche da parte di noi genitori di non farne un'ossessione e di amarsi per quello che è, lei non ne vuole sapere nulla e stanchi di doverla sempre sentire piagnucolare per quanto sia bassa vorremmo chiedere un consuto qua. Ella ha 15 anni è alta 1.50 cm e pesa 43 kg e da poco più di un anno ha avuto , e prime mestruazioni. Mio marito non è molto alto, 1.65 cm ed io 1.70 cm, volevo sapere se in compresse (o in altri modi) in cui all'interno vi sono arginina, ornitina e lisina in 'qualche modo' possono aumentare la sua altezza, ovviamente non di molti centimetri e dunque stimolare l'ormone GH. Inoltre come già so, questi 'stimolatori' sono ancora sotto osservazione ma su internet non si fa che leggere di questi 'miracolosi prodotti' e così la curiosità non tarda ad arrivare anche per noi mamme. Dunque sono affidabili o no per una ragazzina di 15 anni? E questi amminoacidi, arginina, ornitina e lisina, sono consigliabili e senza effetti collaterali per poter aumentare anche di poco l'altezza? Quando e quante ne devono essere prese e per quanto tempo? Altrimenti quali altri integratori consigliabili ci sarebbero? Grazie mille per la vostra cordiale attenzione e così una volta per tutte riuscirò a fare uscire mia figlia da questa 'mania' così banale! Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Polito

24% attività
4% attualità
12% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
L'altezza di Sua figlia è attualmente al 3° percentile, quindi sulla linea inferiore della curva di crescita, ma il singolo dato non è indicativo: la cosa più opportuna per togliere qualsiasi Sua perplessità in merito sarebbe consultare un centro di auxoendocrinologia pediatrica, dove controlleranno la velocità di accrescimento e confronteranno le curve di crescita con quelle corrette sulla media dei genitori.
Non utilizzerie i farmaci menzionati, se non su loro prescrizione, di cui ho grosse perplessità.
Cordialità
Dr. Enrico Polito