Utente 153XXX
Gent.li Dottori,
vorrei richiedere qualche consiglio per un bimbo 18 mesi.
E' un bimbo allegro e sano, ha camminato a 10 mesi ha una buona coordinazione.
Però parla pochissimo, dice solo mamma,papà e am(se vuole mangiare). Il fatto è che gli si parlano costantemente due lingue e sporadicamente anche una terza e lui le capisce poichè esegue quello che gli viene richiesto indipendentemente dalla lingua usata. In un simile contesto a che età è plausibile che il bimbo inizi a pronunciare qualche parola in più?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signora
il suo pediatra deve valutare lo stadio dello sviluppo psico motorio.Se è tutto normale non mi preoccuperei più' di tanto,l'evoluzione del linguaggio è sempre un fatto individuale .Il fatto di stimolarlo e parlargli molto gli fa senz'altro bene.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Aggiungerei che l'essere immerso in più lingue comporta spesso qualche difficoltà e spesso il bilinguismo comporta un ritardo nel linguaggio. Potrebbe essere opportuno a mio parere privilegiare la lingua 'materna', perchè probabilmente è quella in cui la madre è più spontanea e diretta e il contatto più immediato e può formare la 'base sicura' da cui poi avventurarsi nel mondo di tutte le altre lingue e culture. Occorre lasciare al bambino il tempo di assimilare quanto apprende e non forzarlo a parlare, lasciandogli anche scegliere la lingua in cui esprimersi preferenzialmente. Quando poi andrà a scuola prevarrà probabilmente, senza problemi, quella dell'ambiente esterno, e diventerà molto più bravo lui dei genitori stranieri. Oltre a sapere altre lingue a livello della lingua madre.
Questo non avviene a volte in luoghi di confine, come l'Alto Adige, dove forse, specie nelle valli, l'italiano è sentito ancora come lingua estranea, imposta, e viene appresa quasi meccanicamente, ma non come la lingua madre.
Cordialmente

Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#3] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Buongiorno signora,
i figli nati da genitori che parlano lingue diverse, fisiologicamente iniziano a parlare più in ritardo!
è assolutamente normale, non si preoccupi anche perchè il piccolo mostra di capire e comprendere quello che le chiede.
è giusto che ciascuno dei genitori gli parli nella sua lingua originale, il suo piccolo parlerà un pò più inritardo e
si ritroverà un bagaglio enorme che è quello di parlare 2 lingue come madrelingua!

un saluto
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#4] dopo  
Utente 153XXX

Grazie a tutti per il gentile contributo, immaginavo che fosse abbastanza normale è solo che non vedo l'ora di sentirlo parlare.

[#5] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Un saluto
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#6] dopo  
Utente 153XXX

Gentili Dottori,
riapro questo post per chiedere un'altro consiglio per il mio bellissimo nipotino. Il bimbo è nato il 14/09/10 dopo un travaglio di 10 ore e un parto con il forcipe un po' traumatico infatti aveva un brutto colorito grigiastro anche se ha respirato subito. Il moncone del cordone dopo qualche giorno si è "gonfiato" per un ernia ombellicale, ma ora è normale anche se ha l'ombellico in fuori. Qualche giorno fa il bimbo è stato con me e ho visto giocando che durante gli sforzi gli viene un bozzo sulla pancia dall'ombellico in su per una decina di cm di altezza e due o tre di larghezza. La mamma dice che è l'ernia di quando è nato e che il bimbo deve crescere. Secondo voi la crescita risolverà il problema? Io sono un po' preoccupata poichè alla mamma non piacciono molto i dottori e l'ultima visita l'ha fatta lo scorso novembre e non vorrei che si trascurasse il problema. E poi c'è anche un'altra piccola cosa; ora andando a mare e prendendo il sole il bimbo si sta abbronzando molto anche con la protezione molto alta, ma sul pene, sulle spalle e sul petto gli sono rimaste macchioline più chiare. La mamma lo ha notato già da un paio di settimane ma non si decide a farlo vedere. Io le ho consigliato almeno di andare in farmacia per un solare migliore rispetto a quelli della grande distribuzione che magari protegge meglio, ma niente. Potete tranquillizzarmi voi o devo insistere con mia cognata affinchè faccia controllare il bimbo? Per il resto va benissimo ora parla due lingue(ancora non benissimo ma è normale credo) è "atletico" e ha già tolto il pannolino. Grazie a chi vorrà dare il proprio contributo alla mia tranquillità.