Utente 231XXX
Salve,chiedo gentilmente un vostro parere.
Mia figlia da quando ha 4 mesi durante la notte si sveglia ogni due ore,piangendo.L'unico modo per farla riaddormentare è allattarla.Ora ha 14 mesi e il problema è sempre lo stesso.La pediatra mi ha consigliato di darle Tranquin gocce,20 gocce prima di dormire,che sono riuscita a somministragliele solo 2 volte in quanto la bimba lo rifiuta causa cattivo sapore,e comunque quelle due volte non hanno sortito nessun effetto.Cosa mi consigliate di fare?
In attesa di una vostra risposta vi ringrazio cordialmente.

[#1] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Ci dia una descrizione più globale della situazione: il sonno è solo un aspetto dello sviluppo e i suoi disturbi richiedono una valutazione di tutto l'insieme, del bambino della famiglia e della sua organizzazione.
Cordialmente
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#2] dopo  
Utente 231XXX

Buona sera,
la famiglia è composta da madre, padre e bambina. Ma attualmente siamo dalla nonna fino a gennaio.
Il padre lavora, mentre io mi occupo della bimba a tempo pieno. Il padre trascorre molto tempo con la figlia, giocando, cantando e danzando.
La bambina è vivace, molto attiva: le piace giocare ed ascoltare musica ( canzoni per bambini). cerco di farla uscire il più possibile, soprattutto la mattina, portandola al parco o alcune volte di pomeriggio per una passeggiata. Si addormenta tutti i giorni verso le 21.30 - 22.00. Si sveglia definitivamente alle 8.00 di mattina.
Per quanto riguarda l'alimentazione, mia figlia mangia un po' di tutto: verdura, formaggi, uova, carne bianca e rossa, pesce, pastine, riso e frutta.
Spero di aver saputo soddisfare la sua richiesta.

Grazie nuovamente della Sua gentile attenzione.

[#3] dopo  
Utente 231XXX

Scusi, mi sono dimenticata di dirle che la piccola dorme circa un'ora e mezzo ogni giorno durante il primo pomeriggio.

La ringrazio.
A presto

[#4] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Che dice la nonna?
Il quadro che descrive dà un'immagine per così dire da lontano, veloce.
Sembra tutto a posto.
Se uno però vuol vedere meglio deve avvicinarsi, guardare i particolari, con attenzione...
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#5] dopo  
Utente 231XXX

Con la nonna ha un ottimo rapporto: la vizia, la coccola, ci gioca spesso...
Per quanto riguarda, invece, il mio rapporto con la bimba, posso dirle che lei è molto legata a me, ma soprattutto vuole essere spesso allattata. Fin dai primi giorni di vita, la piccola ha rifiutato il ciuccio. Qiundi spesso e volentieri il mio seno ha anche la funzione del ciuccio.

Un altro particolare che posso aggiungere è che quando fa qualcosa di sbagliato, io e il padre la riprendiamo o cerchiamo di distrarla con altre attività o giochi. Non le abbiamo mai alzato le mani.

Non so cosa aggiungere, preferisco sia Lei a dirmi cosa le è utile sapere.

[#6] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
L'allattamento notturno per riaddormentarla è al seno, quindi? Che significa "vuol essere spesso allattata" : anche di giorno? Come avviene?
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#7] dopo  
Utente 231XXX

Sì, l'allattamento è al seno. E anche di giorno. La bimba incomincia a piangere per essere presa in braccio, e una volta accontentata si mette in posizione allattamento. Spesso cerco di distrarla con canzoni o giochi, ma dopo un po' ci riprova. Questo per quanto riguarda il giorno. Invece di notte non smette di piangere finchè non l'allatto.
Spero di essere stata abbastanza chiara.

Non so come ringraziarla per la sua gentilezza per il tempo dedicatomi.

[#8] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Ho l'impressione quindi che la questione, almeno adesso, riguardi lo svezzamento e il distacco fra madre e figlia, cui la bimba resiste tenacemente. Credo che sia una fase, difficile forse, che va affrontata in maniera adeguata, per facilitare lo sviluppo.
Cordialmente
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/