Utente 606XXX
Gentili medici,
sono mamma di un bimbo di 6 settimane, nato alla 37.ma settimana di gestazione con peso di 3200gr e indice di Apgar 8 al 1 minuto e 9 al 5 minuto. Alla nascita ha registrato un valore della glicemia tendente al basso che è rientrato con l'alimentazione, anche se di latte artificiale essendo io ancora "dotata" solo di colostro in seconda e terza giornata. Successivamente ho proseguito con l'allattamento al seno, come tuttora succede, anche se non esclusivo, giacchè ho notato che il bimbo con l'aggiunta di latte artificiale x 2 volte al giorno a metà mattinata e alla poppata delle 22 circa rimane più sazio e tranquillo. Tra l'altro, pur sapendo cheè controproducente, con l'ausilio della doppia pesata ho effettivamente verificato che da una media di 100 gr delle altre poppate, in corrispondenza di quelle 2 succitate la quantità di latte da me prodotto scende a 70-80gr e quindi compenso con 40-50gr di Humana 1, il latte che avevano introdotto in clinica. Il problema è, però, legato alle coliche gassose. già a 10 giorni dalla nascita ho notato che subito dopo ogni poppata il bimbo compie sforzi enormi x evacuare o fare aria, ma non si tratta di stitichezza, perchè le feci sono gialle e liquide e arrivano quasi a ogni poppata, almeno a poppate alterne. Inoltre sento forti brontolii nell'intestino che provocano dolore e pianti inconsolabili che si intensificano nella fascia serale e so bene che si classificano come coliche gassose. A questo punto chiedo il vostro aiuto per capire:
1. faccio bene ad integrare lasciando il mio latte come priorità?
2. quali rimedi posso adottare per alleviare la sofferenza del piccolo?
3. come aiutarlo a fare aria con più facilità?
4. per le coliche ho provato invano l'actenacol e il colikind e sono stata costretta a ripiegare sull'alginor che somministro 1 al massimo 2 volte al giorno ogni 12 ore per un massimo di 8 gocce x volta (il bambino attualmente pesa 4500 gr)
La crescita, al momento, è ottima, essendo attestata intorno ai 300 gr a settimana ma temo di non saper individuare un eventuale problema pensando che le coliche vanno accettate così come sono...senza rimedio!
Grazie per il supporto che vorrete accordarmi.
p.s. la pediatra che lo segue ritiene che non ci sia nulla di patologico e dopo la visita del 1 mese ha rinviato tutto al passaggio al 2 mese, prescrivendo i fermenti Reuflor (che il bimbo assume da 2 settimane circa) e alginor all'occorrenza.
Buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011

GENTILE SIGNORA,
le coliche del lattante hanno una causa ignota.Si suppone possano essere dovute ad allergia al latte vaccino,a cause psicologiche,ad incompleto sviluppo ormonale : tutte ipotesi ,tuttora non ancora definite. Penso che l'approccio sia fondamentalmente : tecniche consolatorie(cullare,massaggiare ,distrarre con giochini o pupazzetti; gli americani hanno notato un effetto favorevole far sentire al lattante il rumore della lavatrice in movimento !!! ),un approccio dietetico con eventuale sostituzione del latte vaccino. Come ultimo rimedio possono aiutare i farmaci antispastici. Unica consolazione per le mamme è che di solito le coliche durano fino al terzo-quarto mese.
TANTI SALUTI ED AUGURI
Dr. Gaetano Pinto