Utente 104XXX
Salve, ho una bimba di 34 mesi che da due giorni ha la diarrea. Riesco a farla bere molta acqua (sia pura che con l'aggiunta di una medicina solubile che non ricordo il nome..), inceve a tavola purtroppo non ha molto appetito. Gli alimenti da evitare credo ormai di conoscerli ma...sapete quando si tratta di una figlia non si è mai sicuri, provo ad elencarli in attesa di un Vs. gradito riscontro.
Da evitare:
- latte --> potrebbe essere sostituito con del thè e biscotti plasmon (mia moglie nn è d'accordo e ricorda sempre quello che gli disse la pediatra, "in questi casi quando la bimba fatica a mangiare altro, il latte è sempre un ottimo alimento"; io non ne sono molto convinto!;
- formaggi;
- prosciutto crudo e cotto;
- pane --> da sostituire con fette biscottate;
- frutta e verdura (cruda e cotta);
Alternative:
- petto di pollo;
- patate lesse;
- finocchio (crudo e cotto);
- Altro per adesso non mi viene..

Grazie per l'attenzione prestata.
Cordiali saluti.
Fabrizio.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signore
un episodio di enterite acuta comporta un primo periodo in cui il bambino può' essere disappetente oppure ha nausea e qualche episodio di vomito.Dopo un breve periodo di idratazione con soluzioni saline bilanciate ,preferibilmente somministrate per bocca e non per fleboclisi(la reidratazione orale è più' efficace e veloce di quella parenterale) bisogna riprendere una alimentazione normale.Chiaramente la dieta non deve includere brioscine,patatine,,cioccolato.Quindi alimentazione normale,con latte che assumeva in precedenza .E' sbagliato dare la cosiddetta dieta in bianco oppure il latte senza lattosio.L'alimentazione deve soddisfare soprattutto il fabbisogno di proteine per non creare un circolo vizioso da secondario malassorbimento Il finocchio,ottimo alimento con proprieta' digestive, va evitato per il suo contenuto eccessivo di fibre.
Un cordiale saluto
Dr. Gaetano Pinto