Utente 197XXX
Gentilissimo Dottore
mio figlio di 4 anni e 6 mesi pesa 14.5 alto 99.3...il bambino ha avuto una crescita bassa ma costante...il pediatra ci ha fatto fare un rx della mano per la valutazione dell'eta' ossea il bambino aveva 4 anni e 5 mesi...risultato:con metodo tanner-whitehouse Tw3.... eta' ossea sezione RUS 4,6/10 aa..... eta' ossea sezione CARP4,2/10 aa La valutazione del grado di maturazione scheletrica indicato dell'eta'osse(RUS-TW3)del paziente si attesta a 4,6/10 aa corrispondente al 50 percentile per la sua eta' anagrafica...
Come mai uno dice 4 anni e 2 mesi e l'altro 4 anni e 6 mesi...si fa la differenza tra i due per calcolare l'eta' ossea giusta? Grazie a DIO cresce bene ma per curiosita'quanto sara' da adulto conoscendo l'eta' scheletrica?le scrivo da lecce siccome il pediatra dice che qui si cresce meno del nord.... Grazie mille...complimenti per il servizio.

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Giordano

32% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
Gentile signora,
mi sembra che le due valutazioni non si discostino molto tra loro. Dopotutto stiamo parlando di 4mesi. Consideri che lo studio dell'età ossea prende in considerazione alcune singole ossa del carpo, del metacarpo e delle falangi. Una crescita armonica prevede il contemporaneo equilibrato sviluppo e maturazione di tutti i segmenti. Ma non siamo tutti uguali, e può capitare che un osso sia leggermente più avanti di un altro. Le tabelle mostrano come statisticamente la maggior parte dei bimbi matura le proprie ossa e possono verificarsi scarti di alcuni mesi tra una metodologia e l'altra. Mi sarei preoccupato se ci fosse stato uno scarto di un anno! Per l'altezza da adulto esistono delle formulette che prendono in considerazione l'altezza dei genitori. Anche quelle sono molto approssimative e soltanto indicative.
Dott. Pierluigi Giordano

[#2] dopo  
Utente 197XXX

Grazie Mille Dottore per la risposta,ma come metodo per la valutazione quale sarebbe il migliore cioe' quello piu' preciso il TW3 TW2 oppure il metodo di Greulich and Pyle Atlas.......grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Giordano

32% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
Gentile utente, se esistesse un metodo migliore gli altri verrebbero abbandonati; è un po' come guardare un paesaggio da punti di vista differenti, da ciascun punto si possono osservare meglio alcune cose e peggio altre, perciò per farsi un'idea più chiara o forse più completa ci si pone da più prospettive, ed anche in base all'esperienza si traggono le dovute conclusioni; le sole curve di crescita servono a ben poco, perchè rientrano nella valutazione generale del singolo paziente, che solo l'esperienza del medico può valutare in maniera complessiva. Le curve di crescita sono un validissimo aiuto (per il medico) ma posseggono limiti intrinseci che vanno considerati nello studio del singolo caso e del singolo paziente. Parlandole da genitore le posso dire che anche io, quando la bimba aveva 1,2,3...mesi mi ero lasciato condizionare dalle curve di crescita (credo sia normale per l'amore verso il proprio figlio che può far perdere i lumi della ragione). La crescita del bimbo non è studiabile (solo) dalle curve di crescita che chiaramente valutano esclusivamente i valori antropometrici e non la crescita intellettiva ed emozionale (a mio parere ben più importanti); credo piuttosto sia molto utile concentrarsi sulle esperienze che giornalmente vengono fatte vivere al proprio figlio, così come la serenità dell'ambiente familiare e sociale. Ad un bimbo giova molto di più avere papà e mamma sereni e sicuri che lui stia bene e cresca sano, piuttosto che genitori timorosi per la paura che non cresca e che perciò possano trasferire (loro malgrado e senza volerlo) insicurezza e paure ingiustificate.
Dott. Pierluigi Giordano

[#4] dopo  
Utente 197XXX

GRazie millle daccordissimo con lei....solo semplice curiosita'.