Utente 213XXX
Buon pomeriggio
sono la mamma di una bambina di 4 mesi e mezzo, allattamento materno, crescita buona (1 kg e 3 o 4 cm al mesefino al 4 nel quale è cresciuta 450g e 1cm e 1/2, per la pediatra cmq nella norma).
Quando aveva 2 mesi ho trovato alcune volte (in tutto saranno state 5 o 6) un po' di sangue rosso vivo, misto a muco, nel pannolino. Premetto che in quel periodo evacuava ad ogni poppata feci liquide giallo vivo. Allarmata e con la mia pediatra in ferie, ho fatto una visita con un pediatra che mi ha prospettato una possibile intolleranza della bambina alle proteine del latte, che io consumavo in grande quantità. Ho sospeso i latticini per circa 1 mese, ho trovato altre 2 volte sangue e poi più nulla.
Al controllo con la mia pediatra ho spiegato la cosa e lei mi ha quasi riso in faccia, ha visitato la bimba trovando una ragade e mi ha fatto reintegrare i latticini.
Dopo circa 2 settimane la bambina ha iniziato improvvisamente a non fare più la cacca se non stimolata o con microclisma, ha cominciato ad avere gonfiore e flautolenza. A parte la reintroduzione del latte vaccino non ho modificato la dieta se non cambiando la frutta e verdura in quanto mangio solo quella di stagione, quindi adesso con scelta un po' più limitata.
Interpellata sulla stipsi e gonfiore la pediatra mi ha fatto iniziare la frutta, prugna e pera per vedere di migliorare la stipsi.
Adesso la bambina fa la cacca solo quando do la prugna (un giorno sì e uno no perchè alterno pera e prugna), le feci hanno cambiato consistenza, più cremose e scure, niente sangue, ma il gonfiore e la flautolenza sono aumentati tantissimo, tanto che nelle ultime 2 sere ha avuto degli attacchi di pianto fortissimi, cosa che non succedeva nemmeno da piccolissima. La bambina fa tantissima aria durante tutto il giorno e dopo si calma un po', ma il suo pancino è un continuo movimento, anche ad orecchio o appoggiando la mano si sente che è in sobbuglio. Le crisi di pianto di solito arrivano la sera.
A questo punto non so se questo malessere può dipendere dalla frutta o dalla mia reintroduzione dei latticini, per sicurezza io al momento ho smesso di mangiarli, ma per quanto rigarda la frutta non voglio smettere senza il parere della pediatra (che è in ferie fino al 7) e soprattutto perchè è l'unico modo per evacuare senza stimolarla.
Vorrei sapere se ci sono accertamenti o esami da fare per stabilire una possibile intolleranza alle proteine del latte come mi aveva detto il rpimo pediatra e soprattutto se devo preoccuparmi che questi sintomi siano comparsi al 4 mese, quando cioè di solito le coliche dovrebbero andare via.
Ringrazio anticipatamente per una cortese risposta.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile utente
è vero che le coliche sono appannaggio dei primi tre mesi di vita,tuttavia possono presentarsi anche a questa età(esiste il malato e non la malattia,cioè ogni patologia può manifestarsi differentemente nei bambini).Pratichi una ecografia,una ricerca del sangue occulto fecale,un Rast per latte vaccino e se allatta al seno,la nutrice deve evitare zuccheri in eccesso e succhi di frutta
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 213XXX

Gentile dott. Pinto,
La ringrazio per la sua veloce e cortese risposta. Oltre a limitare gli zuccheri e i succhi di frutta ritiene che faccia bene evitare i latticini? Per quanto riguarda invece la bambina, lei non ritiene che questi disturbi possano essere legati all' introduzione della prima frutta? Faccio bene a continuare a darla in attesa degli accertamenti?
Mi scuso per l' insistenza e la ringrazio ancora.