Utente 412XXX
Buongiorno,
vi scrivo per dei dubbi sul mio piccolino nato da poco, il primo figlio.
Sin dalla nascita e' stato un bambino molto buono, che passava le sue giornate a mangiare (allattamento al seno) e dormire beatamente.
Adesso da una settimana sta cominciando a preoccuparmi.
Credo stia sviluppando delle coliche dovute ad aria nello stomaco, anche se ancora sembrano non eccessivamente gravi. Il bimbo piange contraendo le gambine e si sforza nel tentativo di emettere aria, gli capita continuamente, a qualsiasi ora del giorno e della notte, e anche se riesco con pazienza a tranquillizzarlo dopo un po' (le crisi non durano mai tantissimo) sto notando che il suo comportamento sta cambiando e non e' piu' sereno come prima.
Il suo e' adesso un sonno agitato, disturbato continuamente. Si lamenta, a volte piagnucola o si sveglia piangendo di continuo. Prima le sue poppate erano regolari, ogni 2 ore, 2 ore e mezza(a richiesta) la notte anche a distanza di 3 ore. Adesso richiede il seno anche ogni ora, per poppate brevissime, non piu' di 10 minuti. Il problema e' che durante la poppata si addormenta, ma contrariamente a prima, quando continuava a mangiare, dopo pochi minuti di sonno si lamenta, piangnucola e si stacca. Una volta staccato non riesco a farlo riprendere a mangiare.
Anche il suo respiro e' meno tranquillo, spesso mi sembra abbia il nasino chiuso, soprattutto la notte, ma anche quando non ha il naso chiuso, la notte sembra "respirare" con la bocca emettendo rantolini e mugugni.
Per le colichette sto dandogli una tisana di camomilla e finocchio tra le poppate.
Potete darmi qualche consiglio in merito?
Vi ringrazio per la disponibilita'
cordiali saluti

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
per non ripetermi, la invito a guardare altri consulti che ho fornito per quest'argomento; basta cliccare sul mio nome qui a sinistra e cercare l'argomento sui consulti già forniti.
Troverà indicazioni per quanto riguarda ciò che lei mamma che allatta può mangiare e non, e quali sono le strategie per le colichette.

Il nasino dev'essere liberato con soluzione fisiologica tiepida ma occorre che il suo pediatra le faccia vedere almeno una volta come si fa. Se ha problemi con la consultazione mi facci sapere, le manderò i collegamenti.

Auguri intanto per la maternità e cordiali saluti

Agnesina Pozzi

[#2] dopo  
Utente 412XXX

gentile dottoressa,
grazie per la celere risposta ho trovato la consulta a cui si riferisce.
Mi ha tranquillizzato, in attesa della prox visita dal pediatra.
Solo le chiedo un ulteriore consiglio in merito al problema:
esiste una maniera "non traumatica" per svegliare il bimbo e tentare di prolungare un po' la poppata affinche' si sazi? Comprendo che poppate piu' frequenti sono utili prche' non succhi con troppa avidita', ma sto cominciando ad avere problemi coi capezzoli, credo per le troppe poppate. mi sembra di essere tornata ai primi giorni di allattamento, per quanto mi fanno male! mi sembrava un traguardo meraviglioso non soffrire piu' ogni inizio di poppata.

grazie mille per la gentile disponibilta'.
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora, tra una poppata e l'altra spalmi i capezzoli con olio di mandorle dolci in cui ha aggiunto un pò di miele e 10 gocce di tintura madre di calendula. Massaggio delicato intorno ai capezzoli dall'esterno delle mammelle verso l'interno. Poi basta pulirli bene con una garzina imbevuta di fisiologica prima della poppata, e anche dopo.

Non svegli assolutamente il piccolo o lo innervosirà..aspetti a vedere quando comincia a muoversi e poco prima che pianga (intuito che si affina con l'esperienza per distinguere i vari tipi di movimento /pianto per segnalare fame, dolore, cacca nel pannolino.., voglia di coccole). Se poi lui vuole succhiare troppo spesso, occorre controllare che la pappa gli basti. Eventualmente può aggiungere il latte artificiale di prima formulazione, in polvere, così ne prepara di volta in volta senza doverlo bttare via (...con quello che costa!) in ragione di un misurino raso ogni 30 ml di acqua.

Mi faccia sapere!
Cordialmente

Agnesina Pozzi