Utente 227XXX
Buongiorno,
vi chiedo una consulenza per un piccolo ma fastidioso problema del mio bimbo di 32 mesi. Ai primi di settembre il bambino ha ricominciato a frequentare il nido e dopo una settimana ha preso il primo raffreddore, senza febbre. Ho fatto lavaggi frequenti e nel giro di 4-5 giorni la situazione è migliorata senza bisogno di antibiotici o altro (ci siamo poi raffreddati anche io e il padre). Quando il raffreddore sembrava scomparso, gli è venuta la febbre a 38,5 per un giorno e mezzo e gola molto rossa, il che l'ha portato a essere un po' inappetente e stanco per 2 giorni. Poi si è ripreso benissimo e anche in questo caso senza bisogno di alcun farmaco (solo tachipirina per la febbre). Dopo aver avuto la febbre, tuttavia, il bambino ha continuato ad avere il nasino chiuso (soprattutto la notte e il pomeriggio quando dorme). La pediatra quindi ci consigliò l'uso di rinotricina gocce nasali per 5 giorni. Un pochino sono servite, ma non molto. La settimana scorsa, dopo essere stati in piscina, ha avuto male a un orecchio. La pediatra l'ha visitato e ha notato gola arrossata, orecchio infiammato (non otite) e ovviamente raffreddore. Ci ha consigliato l'aerosol con un po' di cortisone per 4 giorni, ma il bambino dopo 2 giorni si è riufiutato di farlo. Il male all'orecchio è durato solo 1 giorno, senza febbre. Permane però il naso chiuso e la presenza di catarro (non abbondante). Non ha tosse. Io gli faccio lavaggi nasali almeno 2-3 volte al giorno e noto che fuoriesce catarro, a volte limpido, a volte giallo.
In definitiva, sono quasi due mesi che il bimbo ha raffreddore e naso chiuso. Sta bene, dorme, gioca, mangia, è vivace, quindi non sono molto preoccupata, però mi dispiace notare che si mette spesso le dita nel naso, che se lo strofina, provocandosi anche qualche piccola irritazione. Evidentemente prova fastidio. La pediatra mi dice che è normale alla sua età, mi ha parlato di ipertrofia adenoidea e di raffreddamenti dovuti alla frequentazione del nido. In più la stagione molto umida e nebbiosa non aiuta.
Avete qualche consiglio da darmi? Qualche accertamento? Qualche terapia aggiuntiva?
Grazie mille per la vostra preziosa attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
gentile signora, il piccolo presenta una rinosinusite acuta-ricorrente.Tenga presente che una flogosi della mucosa nasale facilmente interessa i seni paranasali,di questi,nel suo caso, soprattutto il seno mascellare che si sviluppa già a partire dai 4 mesi di età.La cosa importante è differenziare una forma virale da una di tipo batterico,solo in quest'ultimo caso è necessario l'uso di farmaci antibiotici.La diagnosi precisa va formulata da un otorino pediatra.
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 227XXX

Grazie mille dottore. Nel frattempo la situazione è cambiata, nel senso che ieri sera ha avuto febbre a 38 e la febbre continua anche oggi. Ho quindi chiamato un primario di pediatria a cui mi rivolgo in casi in cui il parere della pediatra di base non mi soddisfi il quale, dopo averlo visitato e ascoltato la storia delle varie infezioni nell'ultimo mese e mezzo, ha diagnosticato oggi una gola molto arrossata, che giustifica la febbre a 38 (ma a suo avviso potrebbe andare anche oltre considerando l'importanza dell'infiammazione) e ci ha prescritto una terapia antibiotica per sbloccare la situazione di sovrainfezione batterica che si è creata. Faremo quindi 3 giorni di zitromax (160 mg al dì), 4 giorni di sospensione e poi di nuovo 3 giorni di zitromax. In più lavagggi nasali, gocce di rinotricina e un gel da applicare nelle narici per rafforzare la mucosa nasale a oggi irritata. Ha anche consigliato di non mandarlo al nido per le prossime 2 settimane.
Spero che questa terapia serva a risolvere la situazione.
Lei cosa ne pensa?
Saluti