Utente 333XXX
Salve, le scrivo per mia un problema che ha mia figlia praticamente dalla nascita. Ora ha quasi 5 anni, ma da sempre soffre di rossore alla vulva (che è maleodorante), bruciori e talvolta perdite biancastre anch'esse maleodoranti (il bruciore non al momento di fare la pipì, ma principalmente quando la lavo anche se solo con acqua). Inoltre ha spesso dei rigonfiamenti che le provocano delle pieghette. Soffre spesso di mal di pancia, va regolarmente di corpo una volta al giorno anche se magari con consistenze limitate e la pancia risulta un po' gonfiata, ma questo da sempre.
I pediatri che l'hanno vista nel tempo mi hanno consigliato esami delle urine, urino coltura completa, creme e lavaggi vari, ma non ho mai visto alcun miglioramento. Consideri che la lavo con prodotti neutri testati ed anzi spesso anche solo con acqua. Cerco di vestirla con vestiti larghi ed indossa mutandine di cotone lavate con detergenti delicati. Io vorrei sapere cosa posso fare per capire di cosa si tratta e sconfiggere finalmente questo fastidioso problemino.
La ringrazio fin d'ora e le auguro un buon lavoro
Elisa

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Se la piccola non ha un corretto funzionamento intestinale, batteri colonizzatori dell'intestino potrebbero migrare per via linfatica verso le vie genito-urinarie e causare perdite e cattivi odori. Non ultimo potrebbe trattarsi di candida.
Sicuramente un tampone delicato intorno alla vulva con coltura andrebbe fatto; magari lo faccia lei a casa in tutta tranquillità per non traumatizzare le piccola in laboratorio. Senza lavarla, la mattina, scosti delicatamente le labbra vulvari e passi il tampone apposito delicatamente intorno all'orificio vulvare, e se ci sono perdite,includa anche un passaggio su quelle; inserisca subito dopo il tamponcino nell'apposito flacone e lo porti ad analizzare.

Se c'è la Candida non bastano creme generiche. Se ci dovesse essere la E.Coli, bisognerà agire sulla flora batterica intestinale e non ultimo anche sull'alimentazione.

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi