Utente 285XXX
Buonasera,ho una bambina di quasi sei anni che a settembre ha iniziato la prima elementare, e purtroppo dal primo giorno di scuola ha iniziato a svegliarsi la notte piangendo. Ne ho parlato con la pediatra e insieme abbiamo pensato che dovesse solo ambientarsi alla nuova esperienza,così le ha prescritto un cucchiao di Quietalia 2volte al giorno e Melamilte Plus 1ml 30min prima di coricarsi. Solo che anche così,dopo 10gg,continuava a svegliarsi così le ha cambiato terapia dandole 7,5ml di Ansiodep sempre 30min prima di coricarsi.Purtroppo anche con questa terapia non si vedono risultati,la bambina continua a svegliarsi sempre al solito orario 1.30/2.00 di notte piangendo,solo che a volte capita che il mattino seguente non ricorda di essersi svegliata o alzata. Ora dato che è un mese che la piccola si sveglia, e la cosa inizia a preoccuparmi, volevo chiedevi se la terapia in atto è adeguata o se deve essere cambiata,oppure se è il caso secondo voi di esportare il problema anche ad uno psicologo. Vi assicuro non so più cosa fare perchè lei mi dice che va tutto bene,le maestre mi dicono che è solare e gioiosa,mentre io la vedo molto più nervosa di prima e non più così solare....Grazie infinite per il tempo che vorrete dedicarmi. Buona serata.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, è stato escluso che i problemi nel sonno siano di natura respiratoria?
Un primo orientamento diagnostico in tal senso si ottiene con semplici domande ai famigliari: nel sonno il bambino russa abitualmente o ha comunque un respiro rumoroso? arresta il suo respiro anche per una decina di secondi almeno? riferisce bruschi risvegli notturni? riferisce brutti sogni? si agita e rigira molto nel letto? cerca il lettone?, al mattino si alza stanco? di giorno é stanco e sonnolento? In caso di risposte positive il quadro va approfondito per la conferma diagnostica e per la scelta della più adeguata terapia.
Eventualmente mi faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 285XXX

Buonasera Dr Bernkopf,per prima cosa grazie per la risposta,e in merito alle sue domande posso dirle che è stata fatta un'indagine primaria con l'otorino,prima che iniziasse la scuola,perchè in effetti la piccola spesso russa e si muove tantissimo nel letto,ed è emerso.che ha delle "lievi" adenoidi che per il momento non hanno bisogno di nessun tipo di intervento.
Per le restanti domande posso dirle che non ha mai interrotto il respiro,capita che abbia dei risvegli bruschi durante la notte,ma non sempre quando si sveglia riferisce di aver fatto un brutto sogno, la mattina non riposando la notte si alza stanca,ma poi durante il giorno non manifesta una grande stanchezza,e per il lettone sì,capita che lo cerchi,come capita che chieda che qualcuno dorma con lei nella sua camera.
Però come scrivevo nel precedente messaggio,tutto questo forte disturbo del sonno è iniziato da quando ha iniziato la scuola,prima ha sempre dormito serena,sì a volte si svegliava,ma raramente,e sempre per brutti sogni.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, certamente non si può escludere la presenza di più cause. Inoltre la scuola può causare l'aumento della recettività alle problematiche respiratorie, e quindi contribuire al quadro di disturbo respiratorio nel sonno, per il quale la presenza di russamento, bruschi risvegli (con e senza incubi, in particolare SENZA: quale ne è la causa?) , stanchezza al mattino suggerirebbero un approfondimento specifico che non comprende la sola visita ORL.
Sottolineo che le possibilità di trattamento non sono solo quella farmacologica e quella chirurgica. Da qualche tempo un approccio ortodontico intercettivo , effettuato in età precoce (e per quel che mi riguarda anche precocissima), si è rivelato particolarmente efficace. Oltretutto, andrebbe considerato che, se il bambino a 5 anni e mezzo russa con adenoidi "lievi", se non si fa nulla è molto probabile che a 8 anni diventeranno meno "lievi".
Le suggerisco di leggere gli articoli che si aprono con i link qui sotto.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1400-adenotonsillectomia-bambino.html
www.studiober.com/pdf/Respirazione_Orale_e_Malocclusione.pdf
N.B.: dopo aver aperto questo link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."




Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com